Home / Sanità / CONTEGGIO DELLE PIPI’ (targato Regione Molise)

CONTEGGIO DELLE PIPI’ (targato Regione Molise)

di Costantino Kosta Simonelli

 

Da un po’ di mesi i nostri pazienti incontinenti, per ottenere i loro agognati “pannoloni” hanno bisogno di farsi compilare da noi MMG un sofisticato modulo fatto di domande a risposta multipla che dovrebbero stabilire di quanti preziosi assorbenti a mutandina i pazienti in oggetto necessitano mensilmente. E questo , a seconda di quanto e con che frequenza e per quanto tempo ipotizzabile, perdano quel loro prezioso liquido organico. E questo non sarebbe niente (o quasi) per noi MMG così abituati ormai a compilare tante schedine della SISAL sanitaria. Il fatto è che la procedura prevede che solo quelli dotati di una invalidità civile del 100% commissione INPS riconosciuta, ne abbiano reale diritto, gli altri, – la dico così come mi pare – piscerebbero fuori legge. Ecco che da certificazione nasce certificazione . E così, molti familiari degli incontinenti, preoccupati dell’economia familiare dei loro congiunti, subitaneamente si sono catapultati a proporci di fare ottenere questa indispensabile invalidità civile INPS on line mediata. Che spassatempo per noi MMG, segnare con crocette e dare i numeri delle … E badate, andiamo contro i nostri piccoli ma sentiti interessi. I certificati INPS si pagano. Eppure per un legittimo senso civico mi domando un “ma perché” piccolo piccolo: ma forse che questi incontinenti, perlopiù più che sessantacinquenni, tutta ‘sta quantità di pannoloni, prima della delibera, se li vendevano (o subaffittavano)? Oppure li riciclavano come pannolini ai loro nipoti in fasce? Ma, in questo caso, li avrebbero soffocati in un involucro più grande di loro. O no? E allora, via, torna quella regola che la storia ci insegna da sempre. Quando i sovrani e i loro governi hanno grattato il barile coi loro sperperi e le finanze piangono, c’è sempre ancora da tirare fuori dal cilindro dell’ insipienza, una nuova legge che fotte il popolo.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

“Come distruggere il futuro di mio figlio disabile”

La mancata approvazione, anche se non definitiva, del progetto personalizzato in alloggio assistito per il …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*