Home / Politica / Se anche le Poste abbandonano il territorio

Se anche le Poste abbandonano il territorio

di Giuseppe Saluppo

Con la chiusura dei Centri di distribuzione delle Poste di Bojano e Venafro, si aggiunge un ulteriore tassello nel quadro della politica di Poste Italiane di tagli a servizi e uffici sul territorio. Si abbassano le saracinesche delle Poste italiane, azienda controllata dal Ministero dell’Economia, in molte frazioni del territorio molisano. Vani sono stati i tentativi, di arginare un problema che lascia sguarniti paesi e cittadini. Nonostante gli utili maturati dall’azienda, molti uffici postali, ritenuti marginali e improduttivi, sono scomparsi  e i cittadini-utenti che vogliono usufruire di questo servizio pubblico, sono costretti a spostarsi nelle città più vicine e attrezzate.   I disagi per i cittadini, infatti, sono enormi.  Basti pensare a quei centri rurali dove vivono molti anziani, che saranno costretti a ‘viaggiare’ per un servizio essenziale.    “Lo stato abbandona il territorio” abbandona i piccoli centri rurali, abitati principalmente da persone anziane, che vedono nell’ufficio postale, prima che una azienda, una istituzione o un pezzo di Stato sul territorio.  La società evidentemente ritiene marginali oltre che gli uffici,  i residenti che vivono nei territori interessanti dalla chiusura, facendo prevalere  politiche aziendali,  orientate al bilancio, piuttosto che ai servizi, e contribuendo allo spopolamento dei piccoli centri

 

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Ma Renzi non ha fatto già danni enormi al Pd?

di Vincenzo Cordisco Cari dirigenti, segretari ed ex segretari del pd, o forse meglio dire …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*