Home / Politica / “5 milioni e mezzo di euro per ripristinare la viabilità dell’area Trigno”

“5 milioni e mezzo di euro per ripristinare la viabilità dell’area Trigno”

“Il Patto per il Molise per il nostro territorio: abbiamo destinato 5 milioni e 670 mila euro al ripristino delle condizioni di sicurezza delle strade dissestate dei nove comuni ricadenti nell’area del Medio Trigno a rischio isolamento, Acquaviva Collecroce, Castelmauro, Mafalda, Montecilfone, Montefalcone nel Sannio, Montemitro, Palata, San Felice del Molise e Tavenna”. Così, il presidente della Giunta regionale, Paolo Frattura che questa mattina, unitamente all’assessore ai Lavori pubblici, Pierpaolo Nagni, ha tenuto una conferenza stampa. I  lavori riguarderanno la messa in sicurezza (2.300.000 euro) e la riapertura al traffico (470.000 euro) della Strada Provinciale 78, la messa in sicurezza della Strada Provinciale 163 (1.700.000 euro), tratto dal bivio della Strada Provinciale 73 al bivio della Strada Provinciale 150, la messa in sicurezza del viadotto della Strada Provinciale 150 (200.000 euro) e la messa in sicurezza delle Strade Provinciali 79, 81 e 98 per un milione di euro.“La programmazione delle risorse Fsc 2014-2020 arriva a termine del percorso che ci ha visti collaborare tutti nella stessa direzione, sindaci parroci Provincia di Campobasso e Regione. Nel giro di un mese e mezzo – ci siamo riuniti per la prima volta lo scorso 7 febbraio – abbiamo raccolto le esigenze oggettive riscontrate dagli amministratori comunali e proceduto a individuare le giuste soluzioni. Partiamo con 5 interventi necessari e urgenti, di cui presto daremo conto ai cittadini interessati con un incontro pubblico. Fare squadra per dare risposte ai cittadini paga”. E’ stato l’assessore Nagni, poi, a sottolineare il lavoro svolto con tutte le amministrazioni locali. “Restituiamo dignità ad un’area attraverso la riqualificazione delle strade. Ringrazio gli amministratori locali che, spesso, hanno rinunciato anche a piccoli interessi per consentire una progettazione più vasta. Ora, tocca alla Provincia la fase delle indagini geologiche, della progettazione esecutiva e degli appalti. Controlleremo, insieme ai sindaci interessati, che tutto proceda con la massima speditezza”.Eravamo partiti con la consegna delle fasce tricolori – ha detto il sindaco di San Felice del Molise, Corrado Zara – e, in poche settimane, sono stati stanziati quasi sei milioni di euro per fare uscire i nostri centri dall’isolamento causato dal dissesto viario. È stato un periodo difficile, ma io preferisco guardare avanti più che voltarmi indietro, perché stiamo dando una risposta a tutti quei cittadini che avevano pensato di lasciare i nostri centri per spostarsi su Termoli o San Salvo. Mi auguro che, risolti i problemi alla viabilità esterna, i giovani restino nei nostri comuni, provando a costruirsi qui il proprio futuro”.

Di Giuseppe Saluppo

Potrebbe Interessarti

Passa la colata di cemento. Si sfilano 9 consiglieri di maggioranza. Battista che farà?

Ma esiste, ancora, una maggioranza che sostiene il sindaco di Campobasso, Antonio Battista? Sull’accordo di …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*