Zelda: A Link a opere d’arte precedenti “portate in vita” in un’animazione assolutamente sbalorditiva

foto: via Twitter (Parker Simmons) / Nintendo

Se ti sei mai chiesto come potrebbe essere l’arte dei giochi classici se venisse riproposta, ecco un ottimo esempio. americano Animazione Parker Simmons Parti convertite di The Legend of Zelda: un legame con il passato Guida SNES e altri articoli su Living and Breathing Animation.

I risultati sono assolutamente sbalorditivi, con l’artwork dell’avventura d’azione del Super Nintendo del 1991 che prende vita. Molti fan di Zelda sui social hanno invece richiesto una vignetta ufficiale in questo stile Ce l’abbiamo già.

Simmons rivela che il combattimento “Link vs Stalfos” è stato animato in Adobe Animate, aveva circa 110 icone, 70 fotogrammi e la musica proviene da un CD “Sound and Drama” di Zelda degli anni ’90. Forse ancora più sorprendente è che gli effetti sonori sono stati copiati da Dragon Quest VIII, ma ci sta! Nota: questa grafica originale sembra essere stata recuperata da The Legend of Zelda: arte e artefatti Libro Dark Horse pubblicato nel 2016/17.

A parte la splendida battaglia tra Link e Stalfos, Simmons ha mostrato a Link che esplora un dungeon e parla con Sage:

Parker Simmons è meglio conosciuto come il creatore della serie animata di Cartoon Network, Mau Mau: Eroi dal cuore puro. Ha anche lavorato su Bene! come scrittore e in vari altri ruoli, incluso il lavoro vocale.

READ  Otto consigli utili per i nuovi possessori di AirPods e AirPods

Se vuoi vedere un po’ di The Legend of Zelda: Link alla grafica precedente nel suo stato originale, c’è in realtà una guida PDF originale a cui puoi accedere. Sito ufficiale di Nintendo. E ricorda, puoi anche giocare al classico SNES A Link to the Past tramite Switch Online. Avrai bisogno di un abbonamento, ovviamente.

Per quanto riguarda se vedremo o meno qualcosa del genere, chi lo sa? Con Mario ora in arrivo sul grande schermo ad aprile, forse Link ha l’opportunità di lasciarsi alle spalle le serie TV animate della fine degli anni ’90 e scrivere un nuovo capitolo nella storia dello schermo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.