Yuvaldi, Texas, il capo della polizia scolastica si dimette dal consiglio comunale a causa del contraccolpo sulla sparatoria

Il capo della polizia di Ovaldi, in Texas, si è dimesso dalla sua posizione di consiglio comunale poche settimane dopo aver prestato giuramento dopo le accuse di aver travisato la sua risposta alla sparatoria di massa alla Robb Elementary School che ha ucciso 19 studenti e insegnanti.

Pete Arredondo ha affermato in una lettera datata venerdì di aver deciso di farsi da parte a favore della città e di “ridurre ulteriori distrazioni”. Fu eletto in consiglio il 7 maggio e prestò giuramento il 31 maggio, appena una settimana dopo la strage, in una cerimonia a porte chiuse.

“Il sindaco, il consiglio comunale e i dipendenti della città devono continuare ad andare avanti per unire ancora una volta la nostra comunità”, ha affermato Arredondo nelle sue dimissioni, pubblicate per la prima volta da Uvalde Leader-News.

Arredondo, che è in congedo amministrativo dal suo incarico nel suo distretto scolastico dal 22 giugno, ha rifiutato ripetute richieste di commento da parte dell’Associated Press. Il suo avvocato, George Hyde, non ha risposto immediatamente alle richieste di commento inviate via e-mail sabato.

Il 21 giugno il consiglio comunale ha votato all’unanimità per negare ad Arredondo il permesso di presentarsi alle riunioni pubbliche. I parenti delle vittime hanno fatto appello ai dirigenti della città per espellerlo.

Uno striscione della campagna Arredondo è stato visto a Uvalde il 29 maggio. (Veronica J. Cardenas/Reuters)

Sabato il consiglio comunale di Ovaldi ha emesso la lettera di dimissioni di Arredondo, dopo che i funzionari della città hanno ricevuto la notifica della sua intenzione di dimettersi via e-mail, ma non hanno commentato ulteriormente.

I rappresentanti del sindaco di Yuvaldi Don McLaughlin non hanno risposto alle richieste di commento di AP.

Ha descritto la risposta della polizia come “un fiasco”.

Il colonnello Stephen Macro, direttore del Dipartimento di pubblica sicurezza del Texas, ha dichiarato il mese scorso in un’audizione al Senato che Aridondo, il comandante sul campo, ha preso “decisioni terribili” quando il massacro si è svolto il 24 maggio e che la risposta della polizia è stata un “miserabile fallimento .”

Macro ha testimoniato che tre minuti dopo che il diciottenne Salvador Ramos è entrato nella scuola, c’erano abbastanza forze dell’ordine armate sulla scena per fermare l’uomo armato. Tuttavia, agenti di polizia armati di fucili sono rimasti in piedi e hanno aspettato nel corridoio di una scuola per più di un’ora mentre l’uomo armato eseguiva il massacro. McCraw ha detto che la porta dell’aula non poteva essere chiusa a chiave dall’interno, ma non c’era alcuna indicazione che gli agenti avessero cercato di aprire la porta mentre l’uomo armato era all’interno.

McCro ha detto che i genitori hanno implorato la polizia fuori dalla scuola di trasferirsi e gli studenti all’interno della classe hanno chiesto ripetutamente aiuto ai lavoratori dei servizi di emergenza sanitaria mentre più di una dozzina di agenti aspettavano nel corridoio. Ufficiali di altre agenzie hanno esortato Arredondo a lasciarli muovere perché i bambini erano in pericolo.

“L’unica cosa che ha impedito al corridoio dedicato agli ufficiali di entrare nelle stanze 111 e 112 è stato il comandante del sito che ha deciso di anteporre la vita degli ufficiali a quella dei bambini”, ha detto McCro.

Arredondo ha tentato di difendere le sue azioni, dicendo al Texas Tribune che non si considera il comandante incaricato delle operazioni e che presume che qualcun altro si sia fatto carico della risposta delle forze dell’ordine. Ha detto che non aveva radio della polizia o del campus, ma ha usato il suo telefono cellulare per ordinare equipaggiamento tattico, equipaggiamento da cecchino e chiavi di scollegamento.

I bambini corrono in salvo dopo essere scappati da una finestra durante una sparatoria di massa alla Robb Elementary School il 24 maggio. (Pet Luna/Ovaldi Leader News/Reuters)

Non è chiaro il motivo per cui la polizia ha impiegato così tanto tempo per entrare in classe, come hanno comunicato tra loro durante l’attacco e cosa stanno mostrando le loro telecamere del corpo.

I funzionari hanno rifiutato di rivelare maggiori dettagli, citando l’indagine.

Arredondo, 50 anni, è cresciuto a Uvalde e ha trascorso gran parte dei suoi quasi 30 anni di carriera nelle forze dell’ordine della città.

READ  Il corridore olimpico bielorusso ha utilizzato Google Translate per cercare aiuto a Tokyo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.