Webb della NASA scatta un’immagine miracolosa delle galassie compatte

Webb sta esplorando un sistema galattico eccezionalmente luminoso e interagente situato a circa 270 milioni di anni luce dalla Terra nella costellazione del Cetus. Qui, le galassie unite IC 1623 A e B da Webb Picture of the month appaiono accanto a una nuova immagine scattata dalla NASA/ESA. Telescopio spaziale Hubble. Utilizzando i dati dei sensori ACS e WFC3 di Hubble, l’immagine a destra fornisce una nota prospettiva in luce visibile di due galassie si scontrano.

I centri delle singole galassie sono molto più oscurati polvere scura. Nel frattempo, nella visualizzazione web delle galassie a sinistra MIRI e NIRCam fusa, è particolarmente visibile il gas utilizzato come combustibile dai vivai stellari.

Fusione galattica è un termine che si riferisce a ciò che accade alle due galassie in IC 1623 quando entrano in collisione tra loro. Uno starburst risultante dalla loro collisione ha prodotto stelle venti volte più veloci della media via Lattea galassia.

La capacità di Webb di esplorare le galassie luminose è stata testata in questo sistema di galassie interagenti perché sono eccezionalmente luminose alle lunghezze d’onda dell’infrarosso. Utilizzando tre delle più recenti apparecchiature scientifiche di Webb, MIRI, NIRSpec e NIRCam, un team di astronomi ha catturato IC 1623 attraverso le porzioni infrarosse dello spettro elettromagnetico.

Questa immagine del telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA raffigura IC 1623, una coppia intrecciata di galassie interagenti situata a circa 270 milioni di anni luce dalla Terra nella costellazione del Cetus. Le due galassie in IC 1623 stanno affondando l’una nell’altra in un processo noto come fusione galattica. La loro collisione ha acceso un’onda frenetica di formazione stellare nota come starburst, che ha portato alla formazione di nuove stelle a una velocità superiore a venti volte la velocità della Via Lattea. Questa immagine, che combina i dati degli strumenti ACS e WFC3 di Hubble, offre una visione familiare in luce visibile di queste galassie in collisione, dove i centri delle singole galassie sono più oscurati dalla polvere oscura. [Image description: The two galaxies are close in the centre, the core of one above and slightly to the left of the other. Their cores are pale blue and their spiral arms, which merge together between and around the cores, are nebulous. On top of the centre of the merger, there are many small star-forming regions that glow pink, and dust that is very dark. The background is black with many faint galaxies.]

In tal modo, hanno prodotto una grande quantità di informazioni che consentiranno alla comunità astronomica di condurre uno studio completo su come le capacità rivoluzionarie di Webb possono aiutare a decifrare le complesse relazioni negli ecosistemi galattici. Queste osservazioni serviranno come base per future osservazioni di sistemi galattici utilizzando Webb. È anche supportato dai dati di altri osservatori, incluso il telescopio spaziale Hubble della NASA/ESA.

READ  I residenti di Mississauga possono vedere l'eclissi già giovedì

Gli astronomi sono stati a lungo interessati alla fusione di queste due galassie e Hubble e altri telescopi spaziali l’hanno già fotografata. È molto probabile che le galassie in fusione stiano formando una supermassa Buco nero, e uno starburst continuo provoca una massiccia emissione di radiazioni infrarosse. Queste importanti scoperte sono state nascoste da una spessa fascia di polvere da telescopi come Hubble. L’incredibile immagine sopra è stata creata combinando i dati MIRI e NIRCam, ma la sensibilità agli infrarossi e la risoluzione di Webb a quelle lunghezze d’onda gli consentono di vedere oltre la polvere.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.