Home / Politica / Violenza di genere, ci sono i fondi
cof

Violenza di genere, ci sono i fondi

Approvato dal Consiglio Regionale l’emendamento d’iniziativa di tutte le Consigliere dell’Assemblea regionale, Matteo, Calenda, Romagnuolo, Fanelli e Manzo, in materia di contrasto e prevenzione alla violenza di genere, contenuto nel maxi emendamento al bilancio di previsione pluriennale per il triennio 2019-2021. Le stesse Consigliere hanno espressamente richiesto al Presidente Toma di implementare i fondi destinati alla legge per il contrasto alla violenza di genere. Il capitolo di spesa è ora finanziato per un importo annuale di 110.000,00 euro per un  sostegno forte e deciso da parte della Regione nella lotta alla violenza di genere.

Le Consigliere –  Matteo, Calenda, Romagnuolo, Fanelli, Manzo  –  hanno espresso soddisfazione per l’approvazione dell’emendamento ed hanno ringraziato per l’interessamento il Consiglio Regionale non solo per il voto favorevole, ma per aver creduto in questo impegno, teso a sconfiggere le differenze di genere a tutti i livelli.

Le Consigliere dell’Assemblea hanno poi voluto sottolineare che i fondi recuperati sono destinati a sostenere una serie di iniziative utili alla prevenzione ed al contrasto della violenza di genere. La destinazione è ancora de definire, il prossimo step, infatti, toccherà al tavolo della rete antiviolenza che fornirà un parere non vincolante alla giunta regionale su come utilizzare i fondi. Dopo aver dato voce al territorio con le esigenze concrete e le azioni suggerite, la stessa Giunta deciderà come impiegare le risorse. Sono tante le iniziative, anche preventive, da porre in essere, tra le quali, ad esempio, può rientrare il sostegno ai centri anti-violenza.

Un segnale importante – hanno concluso le Consigliere  – che questo Governo regionale, grazie all’impegno del Presidente Toma, ha manifestato con una risposta concreta.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Nemmeno di fronte al disastro prossimo venturo della crisi di governo a marchio leghista ha mosso la politica molisana, tranne la Uil di Tecla Boccardo

Sanità e Lavoro alle calende greche; riorganizzazione delle segreterie degli assessori e dei servizi dipartimentali …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *