Veicolo spaziale Orion con problemi di alimentazione

Illustrazione della navicella spaziale Orion della NASA che vola nello spazio. Credito: NASA

NASA Artemis I – Flight Day 19: Orion si prepara a volare vicino alla Luna, i team studiano il problema del condizionamento della potenza

Il giorno 19 del volo della missione Artemis I, Orion ha effettuato una seconda correzione della traiettoria di ritorno domenica 4 dicembre alle 10:43 CST, utilizzando propulsori ausiliari e aumentando la velocità del veicolo spaziale di 1,16 mph (1,71 ft/s).

Orion ha riscontrato un problema con l’unità di distribuzione del condizionamento dell’alimentazione (PCDU) poco dopo aver acquisito un segnale con il Rete dello spazio profondo Stazione di terra di Canberra alle 00:41 CST. Nello specifico, il problema era che quattro dei limitatori di corrente a ritenuta responsabili dell’alimentazione del terminale avevano improvvisamente smesso di funzionare. Questi interruttori di basso livello si collegano ai sottosistemi di azionamento e riscaldamento. Dopo che i team hanno confermato che il sistema è intatto, hanno riattivato con successo i componenti finali. Non ci sono state interruzioni di corrente a nessun sistema critico e non ci sono stati effetti negativi sui sistemi di navigazione o di comunicazione di Orion.

I team stanno esaminando se un possibile contributo a questo problema sia correlato a un test di configurazione dell’alimentazione che i team di volo stanno implementando per indagare su casi precedenti in cui una delle otto unità di limitazione di corrente segretamente chiuse Apri senza comando. L’ombelicale si è chiuso con successo ogni volta e non c’è stata alcuna perdita di potenza che fluiva all’avionica di bordo del veicolo spaziale.

Orion cattura il volo Terra Artemis I il 19

Il giorno 19 della missione Artemis I, Orion catturerà la Terra da una telecamera montata su uno dei suoi pannelli solari mentre il veicolo spaziale si prepara per un sorvolo lunare il 5 dicembre, quando passerà a circa 79 miglia (127 km) sopra la superficie lunare . Credito: NASA

Il veicolo spaziale ha ottenuto dati aggiuntivi utilizzando il sistema di navigazione visiva, che è una fotocamera sensibile per scattare foto della Luna e della Terra per aiutare a orientare il veicolo spaziale osservando le dimensioni e la posizione dei corpi celesti nelle immagini. Gli ingegneri continuano inoltre a sviluppare piani di lavoro per raggiungere diversi obiettivi di test aggiuntivi durante il viaggio di Orion sulla Terra. un Una serie di obiettivi del test Fornire agli ingegneri informazioni su come Orion opererà nello spazio, dando loro l’opportunità di convalidare modelli di prestazioni e imparare il più possibile sul veicolo spaziale.

In preparazione al ritorno di Orion sulla Terra, una squadra[{” attribute=””>NASA’s Exploration Ground Systems Program and the U.S. Navy, who will recover Orion from the Pacific Ocean, completed its final training day at sea, using a mock capsule in the water for divers and small boats to practice open water recovery procedures.

On Monday, December 5, Orion will make its closest approach to the Moon, flying 79.2 miles above the lunar surface. It will perform the return powered flyby burn at 10:43 a.m. CST, which will last about 3 minutes and 27 seconds, changing the velocity of the spacecraft by approximately 655 mph (961 feet per second) or 1,054 km/h (293 meters per second). The return powered flyby is the last large maneuver of the mission, with only smaller trajectory corrections to target Earth remaining.

Live coverage of the close lunar flyby and burn will begin at 8 a.m. CST on NASA TV, the agency’s website, and the NASA app. During the coverage, lighting will be different than it was during Orion’s initial close lunar flyby on November 21. The spacecraft will lose communications with Earth for approximately 31 minutes beginning at 10:40 a.m. CST, as it flies behind the far side of the Moon.

At 4 p.m. CST on December 5, NASA leaders will discuss the results of the return powered flyby burn and the deployment of recovery assets to sea ahead of Orion’s splashdown on December 11. Live coverage will be available on all NASA channels.

Just after 4:30 p.m. CST on December 4, Orion was traveling 222,213 miles (357,617 km) from Earth and 23,873 miles (38,420 km) from the Moon, cruising at 3,076 mph (4,950 km/h).

READ  Hubble trova il gemello cosmico del misterioso nono pianeta del sistema solare

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.