Home / Territorio / Unilever va via, ma qualcuno ha pensato a garantire servizi alle imprese?

Unilever va via, ma qualcuno ha pensato a garantire servizi alle imprese?

Oggi tutti pronti a stracciarsi le vesti alla notizia che il gruppo Unilever potrebbe spostare lo stabilimento dall’area del nucleo industriale di Pozzilli a Casalpusterlengo. Una notizia che è stata sollevata qualche settimana addietro, poi frenata, e oggi riesplode in tutta la sua crudezza. Sarebbe un colpo mortale per l’area industriale di Pozzilli che ha già dovuto registrare non poche chiusure di aziende. Ma coloro che oggi si stracciano le vesti, aprono la polemica anche politica, si sono chiesti quali servizi vengono offerti all’azienda nell’area industriale? Già, perché proprio i nuclei industriali del Molise avrebbero la necessità di conoscere una nuova legge e una nuova strutturazione. Impensabile che possano continuare a restare ancorati a una disposizione legislativa che continua a vedere la presenza di tre distinti Nuclei sul territorio e senza che questi siano nelle condizioni di garantire servizi. Così il caso specifico Unilever che è nella impossibilità di potere inviare la propria merce con carri merci. Perché lo scalo di Roccaravindola, al quale fa capo l’area industriale di Pozzilli, consente la possibilità per l’azienda di potere comporre carri merci fino a 460 metri lineari. Mentre il minimo previsto dalle ferrovie è di 550 metri. E qualora proprio l’azienda volesse comunque procedere con i 460 metri, vedrebbe 12 tonnellate di merce in meno da spedire ma pagando come se anche queste tonnellate fossero state caricate. Un assurdo. Possibile che a nessuno venga in mente di porre rimedio con l’allungamento dei binari? Sarebbe garantito un servizio non solo per l’Unilever. Ma sarebbe, anche, un modo per dire che si può fare industria anche da noi. Ai relativi assessorati regionali delle Attività produttive e dei Lavori pubblici la risposta

Di admin

Potrebbe Interessarti

Agnone, impossibile donare il sangue. Protesta dinanzi l’Asrem

Sit-in di protesta dinanzi la sede dell’Asrem da parte dell’associazione Fidas di Agnone.” Da circa …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *