Un nuovo centro inaspettato in Italia per Riesling di alta qualità

Quando la maggior parte delle persone pensa a un Riesling italiano, il vino del Trentino nord-orientale,Alto Adige mi viene in mente. Tuttavia, i produttori in Le valli dolcemente ondulate dell’Oltrepò Pavese lombardo imbottigliano alcuni dei più vibranti esempi di uva del paese.

Esteso attraverso colline fino a 600 metri, l’Oltrepò Pavese (“Pavia oltre il Po”) si trova a 65 chilometri a sud di Milano. Dei 13.000 ettari della superficie vitata, il 65% appartiene al Pinot Nero, l’uva che costituisce il marchio di fabbrica dell’Oltrepò Pavese DOCG Metodo Classico. In confronto, il Riesling rappresenta il 10% dei vigneti della regione.

In Italia, il termine “Riesling” è applicato al Riesling Italico, noto anche come Welschriesling, o Riesling Renano, la varietà Renana. Queste uve sono 1.300 ettari in Oltrepò Pavese: 1.000 sono di varietà Italico, mentre il Renano, arrivato con gli Asburgo nell’Ottocento, ne conta 300 e oltre.

Il Riesling Renano essiccato in stile Oltrepò contiene più alcol rispetto ai suoi omologhi del Nordest. Giacomo Barovaldi, che ne è comproprietario Castello di Stefanago insieme a Il microclima e le colline ariose dell’Oltrepò Pavese contribuiscono all’individualità del vino, spiega suo fratello Antonio. Tuttavia, ritiene che “è il terreno a renderlo speciale: argilla mista a sabbia e calce sotto uno strato di terreno molto calcareo”.

Il clima, caratterizzato da un’escursione termica diurna di 6°C e la giustapposizione di calde brezze mediterranee provenienti dalla Liguria con freschi venti alpini provenienti dal Monte Bianco, favoriscono anche le condizioni per la crescita rigogliosa della varietà, secondo Gabriele Marchesi, proprietario di quarta generazione. Marchesi di Montalto azienda vinicola.

READ  La Chiesa italiana è tornata in attività, ma non come al solito

Negli ultimi anni, una nuova generazione di viticoltori dell’Oltrepò Pavese ha affinato la propria attenzione sulla varietà Rignano, sottolineando il carattere locale dell’uva e spostando lentamente l’attenzione del pubblico sul Riesling italiano.

Valle del Riesling

Quando Marchesi rilevò la Marchesi di Montalto, l’azienda vinicola della sua famiglia, nel 2001, possedeva un ettaro di Riesling Rignano. I suoi predecessori avevano classificato l’uva come spumante e prodotto 3.000 bottiglie all’anno, ma Marchesi pensava di dover ancora massimizzare il potenziale dell’uva. Nello stesso anno intraprende il primo di numerosi viaggi a Mosul – culla del Riesling Rignano con 5.446 ettari vitati – per comprenderne meglio la diversità. sei anni dopo, La Valle del Riesling Oltribe Ragazzo.

I vigneti del Castello di Stefanago godono delle ariose colline dell'Oltrepò Pavese.  Foto fornita da Castello di Stefanago.
I vigneti del Castello di Stefanago godono delle ariose colline dell’Oltrepò Pavese. Foto fornita da Castello di Stefanago.

Il progetto è una collaborazione con i viticoltori della Mosella per promuovere il Riesling Renano nell’Oltrepò Pavese. Insieme, hanno identificato vigneti ottimali su e intorno alla terra dei Marchesi e hanno piantato 50 ettari di cloni Heinz 65 della Mosella in sei comuni: Calviniano, Montalto Pavese, Oliva Jessi, Castiggio, Mornico Lusana e Rocca dei Giorgi.

Oggi Marchesi raccoglie 12 ettari di Riesling Renano, il cuore di quattro vini che produce secondo i livelli zuccherini rimanenti della Mosella: Trocken, Halbtrocken, Lieblice e Süß. Oltre ai Marchesi, hanno partecipato diverse altre cantine, incl IsimbardaE il travaglioE il Fricia RosaE il Le FracchiE il Vino georgianoE il Conti Vistarino.

Marchesi chiarisce che con la Valle del Riesling non punta a creare un consorzio o una multinazionale. Invece, lo immagina come una piattaforma di “deistituzionalizzazione” per supportare i colleghi viticoltori a lavorare meglio in vigna e in cantina e per comunicare meglio a livello commerciale per raggiungere l’obiettivo principale del progetto: “essere scientifici, etici e seri sulla produzione del Riesling.”

READ  Un avviso di ufficio aziendale migliore rispetto alle truffe di trasferimento

colpo di stato improvviso

Conoscere il Riesling Renano dell’Oltrepò Pavese non è limitato alla valle. Ogni novembre ospita Naturno, un paese delle Dolomiti Le Guernat del Riesling. L’evento di un mese culmina in una degustazione alla cieca per determinare i migliori vini dell’annata dell’anno precedente. Con sgomento di Trentini e Altazzini, calatroni viennesi Il Riesling Oltrepò Pavese Campo Dottore DOC ha ricevuto il massimo dei voti nel 2021.

“Era la prima volta che una squadra dell’Oltrepò Pavese DOC si qualificava per le finali e vinceva”, dice Cristian Calatroni, che è comproprietario di Calatroni a Montecalvo Versiggia con suo fratello Stefano. “Siamo una delle uniche due cantine premiate negli ultimi 15 anni che non sono altoatesine.”

Christian e Stefano Calatroni, comproprietari di Calatroni a Montecalvo Versiggia.  Immagine gentilmente concessa da Calatroni Fini.
Christian e Stefano Calatroni, comproprietari di Calatroni a Montecalvo Versiggia. Immagine gentilmente concessa da Calatroni Fini.

Il Campo Dottore Riesling nasce da uve raccolte a 280 metri di altitudine, di colore giallo intenso con riflessi verdolini e racchiudono un ricco bouquet di frutta fresca come pere, pesche e albicocche. “Al palato è decisamente schietto con grande sapidità per la particolare tessitura del terreno”, dice Calatroni, spiegando che il calcare “arricchisce il terreno di sali minerali che danno sapore e intensità al vino”.

Il Riesling Italico ha trionfato quando il nonno dei fratelli Calatroni ha fondato l’azienda nel 1964, ma il padre ha iniziato a sostituire alcune piante con il Brenano negli anni ’90. Oggi i fratelli possiedono un ettaro e mezzo di uva, compreso un appezzamento di prova che hanno piantato nel 2021. Poco meno di un terzo dell’ettaro, l’appezzamento contiene tre cloni che non si trovano altrove in Oltrepò.

Quale futuro per il Riesling dell’Oltrepò Pavese?

Pur essendo riluttante a prevedere il futuro, Marchesi vorrebbe vedere altri 200 ettari vitati nei prossimi due anni”, un obiettivo destinato a chi è coinvolto nel progetto Valle del Riesling, ma soprattutto a tutti coloro con la passione e la tecnica per coltivare il Riesling”. Spera inoltre che i produttori continuino a investire in miglioramenti in modo che il Riesling Rennano locale si guadagni la reputazione di migliore espressione italiana dell’uva.

READ  L'Italia ha registrato una temperatura di 48,8 gradi Celsius in quello che potrebbe essere il giorno più caldo mai registrato in Europa

All’esterno, il Riesling dell’Oltrepò Pavese ha iniziato a guadagnare terreno. Fabio De Filipe di Miami Caboto Mundi I vini Calatroni sono importati da un decennio. Campo Dottore ha aggiunto il Riesling al suo elenco nel 2019 e la sua sfida è svezzare il pubblico dalle loro nozioni preconcette sul Riesling. A causa dei legami dell’uva con la Germania e l’Austria, dice, “È probabilmente il più difficile da vendere tra i loro vini prodotti negli Stati Uniti”, ma non si è scoraggiato: la qualità del vino vince sempre con cautela.

inviare

Iscriviti alla nostra pluripremiata newsletter

Non perdere le ultime notizie e gli approfondimenti del settore delle bevande, consegnati nella tua casella di posta ogni settimana.

Jacqueline Di Giorgio È uno scrittore milanese di enogastronomia e viaggi e guida turistica gastronomica. ho contribuito a La Cucina ItalianaE il Stati Uniti 10 miglioriE il Viaggiatore del National GeographicE il Condé Nast TravellerE il olivaE il Cronaca di Houston, tra le altre pubblicazioni. Possiede un certificato di livello 3 dal Wine and Spirits Education Trust. Segui lei @dipendente su o su Instagram Articoli.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.