Home / Politica / Uilcom: “3G si formano 12 unità ma ci sono in azienda 25 persone a scadenza contratto”

Uilcom: “3G si formano 12 unità ma ci sono in azienda 25 persone a scadenza contratto”

In merito alla notizia dell’apertura delle iscrizioni al corso di formazione per operatore di call center, ad opera della 3G SPA e della TREND, Gianni Andreola della Segreteria regionale della UILCOM solleva le seguenti    obiezioni. “Premesso che il sindacato di appartenenza non è ovviamente contrario alle politiche di incentivazione dell’occupazione, sorgono spontanei almeno tre interrogativi che necessitano di risposta e che si intendono sottoporre all’attenzione dell’opinione pubblica e degli enti preposti: uno rivolto all’Azienda, uno all’ente di formazione ed un altro alla Regione Molise. Alla 3G SPA, Gianni Andreola a nome della UILCOM chiede come mai viene pubblicato oggi l’avviso per la formazione di 12 unità (di cui minimo la metà da assumere),  nel mentre in azienda lavorano già circa 25 persone con contratti a termine fra le quali alcune che hanno già partecipato ai 2 bandi analoghi pubblicati in precedenza dalla Regione Molise e quali garanzie l’azienda offre a questi lavoratori a fronte delle previste nuove assunzioni.

Sempre alla 3G il sindacato – pur non dichiarandosi contrario alle assunzioni – domanda anche come mai essa intenda procedere a nuove assunzioni nel mentre tiene ancora congelato il TFR dei dipendenti fino al 2020, in virtù di un accordo concluso per scongiurare i licenziamenti, maturato  a seguito dell’annunciata situazione di crisi economica che non le consentiva di tenere in servizio tutto il personale. All’Ente di Formazione TREND, Gianni Andreola della UILCOM  contesta la previsione di paletti per la partecipazione al corso, ossia la previsione che i partecipanti non debbano aver avuto negli ultimi 12 mesi rapporti di lavoro con la  3G SPA, ritenendo che se un ente usufruisce di fondi pubblici debba garantire a tutti di partecipare alle iniziative con essi finanziati. Infine alla Regione Molise nella persona del Presidente Donato Toma e dell’Assessore al Lavoro Luigi Mazzuto chiede se nel finanziare il terzo bando abbia tenuto conto degli esiti dei due precedenti, ossia se lo stesso sia stato finanziato in quanto realmente i precedenti hanno portato all’occupazione dei partecipanti e con quali risultati,  trattandosi di misure specificamente rivolte a favorire l’occupazione. Sulle questioni sollevate, la  UILCOM chiede l’apertura di un tavolo di confronto perché siano chiariti gli aspetti controversi di questa vicenda e siano fornite le necessarie spiegazioni sui punti evidenziati”.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Calenda scrive a Conte: «Sanità, dopo Reggio Calabria una riunione del Consiglio dei Ministri anche a Isernia»

«La grave situazione in cui versa il sistema sanitario molisano necessita di prese di posizioni …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *