Trudeau afferma che l’agenzia di spionaggio informatico canadese sta osservando TikTok “con molta attenzione”

Il primo ministro canadese Justin Trudeau ha dichiarato giovedì che l’agenzia canadese di spionaggio informatico sta monitorando le minacce alla sicurezza della popolare app di social media di proprietà cinese TikTok.

Rispondendo alle domande dei giornalisti in una riunione pre-gabinetto a Parliament Hill, Trudeau ha affermato che la Communications Security Foundation, l’agenzia di intelligence dei segnali stranieri del Canada, sta monitorando TikTok mentre i legislatori repubblicani si muovono per vietare l’app negli Stati Uniti.

“Penso che le persone siano preoccupate per TikTok. Penso che sia chiaro che le persone lo stanno guardando con molta attenzione”, ha detto. “Il… CSE è una delle migliori agenzie di sicurezza informatica al mondo e la stanno osservando molto da vicino.”

guarda | Trudeau afferma che CSE monitora i social media “con attenzione” per le minacce esterne

Trudeau afferma che il Canada sta osservando i social media “con attenzione” per le minacce esterne

Mentre i legislatori statunitensi esprimono preoccupazioni per la sicurezza nazionale su TikTok, il primo ministro Justin Trudeau ha affermato che il governo continua a monitorare i canali dei social media per proteggere i canadesi.

Gli Stati Uniti si muovono per vietare TikTok

Martedì il senatore repubblicano Marco Rubio Annunciare una legislazione bipartisan Per bloccare l’applicazione che raggiunge più di un miliardo di utenti in tutto il mondo.

La legislazione risponde alle crescenti preoccupazioni negli Stati Uniti secondo cui il proprietario di TikTok ByteDance Ltd potrebbe utilizzare l’app per spiare o incolpare gli americani.

L’ufficio del senatore ha dichiarato in un comunicato stampa che il disegno di legge di Rubio bloccherebbe tutte le transazioni da qualsiasi società di social media all’interno o sotto l’influenza di Cina e Russia.

READ  Boris Johnson deve affrontare continue pressioni per dimettersi nonostante abbia vinto un voto di sfiducia

Il disegno di legge rappresenterebbe un’espansione delle leggi statunitensi esistenti che limitano l’accesso a TikTok. Nell’agosto 2020, il Senato degli Stati Uniti ha approvato all’unanimità un disegno di legge che vieterebbe ai dipendenti federali di utilizzare l’app sui dispositivi emessi dal governo.

Un portavoce di TikTok ha affermato che i piani di sicurezza statunitensi dell’azienda sono stati sviluppati sotto la supervisione delle principali agenzie di sicurezza nazionale statunitensi.

“È preoccupante che, piuttosto che incoraggiare l’amministrazione a porre fine alla sua revisione della sicurezza nazionale di TikTok, alcuni membri del Congresso abbiano deciso di spingere per un divieto politicamente motivato che non farà nulla per far avanzare la sicurezza nazionale degli Stati Uniti”, ha affermato un portavoce. detto in una mail.

Il portavoce ha affermato che TikTok non ha mai fornito i dati degli utenti canadesi al governo cinese e non lo farebbe se richiesto. Il portavoce ha aggiunto che i dati degli utenti canadesi sono archiviati nei data center negli Stati Uniti e a Singapore.

Il critico morale dell’NDP Matthew Green ha affermato in una e-mail alla CBC che il partito ritiene che il Canada sia rimasto indietro rispetto alle sue controparti europee sulla protezione dei dati. Non ha chiesto il divieto di TikTok per i dispositivi dei dipendenti federali.

“Sebbene i Nuovi Democratici non pensino che un divieto di TikTok debba essere respinto a titolo definitivo, il governo deve compiere i primi passi per introdurre una migliore regolamentazione e lavorare a fianco dei nostri alleati sulla protezione dei dati”, ha affermato Green.

Il leader dell’NDP Jagmeet Singh ha un enorme seguito su TikTok. (Sean Kilpatrick / The Canadian Press)

Il leader dell’NDP Jagmeet Singh ha quasi 900.000 follower su TikTok e utilizza abitualmente la piattaforma.

Trudeau ha anche risposto a una domanda sul rischio che la Cina hackeri gli account Twitter del governo canadese.

Ha affermato che il governo “sta osservando ciò che fanno gli americani” per quanto riguarda il gigante dei social media con sede negli Stati Uniti, che è stato oggetto di un attento esame da quando il miliardario Elon Musk ha completato il suo acquisto della società a ottobre.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *