Trova un asteroide di Natale » Explorersweb

Il Natale sta arrivando in anticipo per gli astrofili. Il 15 dicembre, il cosiddetto “asteroide di Natale” farà oscillare la nostra piccola biglia blu, a 1,8 distanze lunari (679.800 km).

per celebrare l’occasione e per promuoverne l’elegante lancio Toolkit per asteroidi gratuito – Il Agenzia spaziale europea L’Agenzia spaziale europea ha lanciato una sfida agli astronomi.

Trova l’asteroide di Natale e condividi le tue osservazioni con il mondo.

Grafico: ESA

Telescopio richiesto

L’Agenzia spaziale europea riferisce che gli astronomi nell’emisfero australe hanno le migliori possibilità di vedere l’asteroide di Natale dal 15 al 17 dicembre. Ma avrai bisogno di un telescopio di almeno 30 cm o più grande perché l’asteroide di Natale (ufficialmente chiamato 2015 RN35) ha una magnitudine ottica inferiore a 14.

Osservatori europei equipaggiati in modo simile potrebbero essere in grado di individuare il tesoro astronomico dal 17 al 19 dicembre.

Se ti capita di intravedere la roccia spaziale cerimoniale, l’Agenzia spaziale europea ti chiede di condividere i tuoi dati e la tua posizione utilizzando l’hashtag #ESAChristmasAsteroid. L’agenzia pubblicherà quindi nuovamente la tua scoperta in archivio Canali social.

“Questo è il tipo di lavoro [we do] Difesa planetaria, ha affermato Richard Moesel, capo dell’Agenzia spaziale europea (ESA). in un post sul blog.

Un pagliaio nello spazio

Perché il crowdsourcing dell’Agenzia spaziale europea è una caccia al tesoro astronomica? Bene, la risposta è che lo spazio è molto, molto grande, e ci sono pochissimi asteroidi che girano costantemente attraverso il nostro sistema solare. Tenere traccia di tutto ciò che vaga lì intorno è come trovare un ago in un pagliaio, se il pagliaio galleggiasse in un vasto vuoto funzionalmente eterno.

READ  Come l'oscillazione lunare combinata con l'innalzamento del livello del mare potrebbe portare a gravi inondazioni costiere coastal

Secondo l’Agenzia spaziale europea, circa il 98% dei 930 asteroidi delle dimensioni di un evento di estinzione (1.000 metri e oltre) nel nostro sistema solare sono stati presi in considerazione. Al contrario, le agenzie spaziali non conoscono le orbite di nessuno dei circa 50 milioni di asteroidi di circa 1 metro di diametro che vengono regolarmente illuminati da noi. Ma va bene perché quei sassolini delle dimensioni di una pinta colpiscono il pianeta circa una volta ogni due settimane e passano quasi inosservati.

Il problema sono quelli di medie dimensioni, tra cui l’asteroide di Natale. Questi vanno da 10 a 1.000 metri e possono facilmente distruggere una città. L’asteroide Tunguska che colpì la Siberia orientale nel 1908 aveva un diametro compreso tra 30 e 40 metri. E spazzato via 80 milioni di alberi su un’area di 2150 metri quadrati.

Più gli scienziati di asteroidi di medie dimensioni identificano e iniziano a tracciare, maggiori sono le possibilità di evacuare una città sul percorso di un tale evento. Gli scienziati stimano di aver scoperto circa il 18% degli asteroidi di queste dimensioni. Per aiutare a dare un senso a tutto questo, l’Agenzia Spaziale Europea ha creato questo grafico, che riesce ad essere allo stesso tempo rassicurante e inquietante.

Grafico che descrive il numero di asteroidi pericolosi scoperti nel nostro sistema solare.

Se questo disegno ti fa sentire al sicuro o in pericolo probabilmente dipende dalla tua visione generale della vita. Grafico: ESA

Non c’è possibilità di influenza

L’altezza dell’asteroide di Natale è compresa tra 60 e 140 metri, il che significa che il suo impatto sarà molto grande. Ma non temere. L’Agenzia spaziale europea afferma che esiste una probabilità dello zero per cento che colpisca il nostro pianeta nei prossimi 100 anni e afferma che due distanze lunari non sono così vicine rispetto agli asteroidi.

READ  La sonda lunare cinese percorre più di 1.000 metri sul lato opposto della luna - China.org.cn

Incredibilmente, l’agenzia spera che i media non drammatizzino l’evento.

“Man mano che i voli avanzano, a poco meno del doppio della distanza dalla Luna, è improbabile che facciano notizia”, ​​ha scritto un anonimo ottimista perpetuo in un post sul blog dell’ESA.

noi, Si può sperare.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.