Home / Politica / Trasporto, gli autisti a Niro: irrispettoso della nostra protesta

Trasporto, gli autisti a Niro: irrispettoso della nostra protesta

Gli autoferrotranvieri del Molise hanno risposto in massa allo sciopero regionale. In alcune specifiche realtà l’adesione è stata del 100%. Una delegazione sindacale è stata ricevuta ed ascoltata dalla terza commissione consiliare e dal Presidente del Consiglio Regionale con l’impegno a riconvocare le parti sociali alla presenza dell’Assessore ai trasporti Niro. “Ma la protesta non si ferma – scrivono le organizzazioni sindacali – Esprimiamo grande soddisfazione per la straordinaria adesione dei lavoratori registrata nella seconda giornata di sciopero generale contro la politica regionale sui trasporti. Mezzi pressoché fermi in tutta la Regione ad esclusione delle fasce garantite per legge e per le quali il servizio è stato regolarmente garantito.
L’adesione è stata altissima soprattutto per il personale viaggiante con una media superiore al 90% e con punte che in alcune realtà hanno addirittura raggiunto il 100% determinando il blocco totale del servizio. Del resto il personale è allo stremo e lo avevamo percepito già nel corso dell’assemblea di domenica scorsa presso il Dopolavoro Ferroviario di Campobasso allorché un centinaio di autoferrotranvieri provenienti da tutta la Regione, rinunciando a passare una giornata festiva con i propri cari, si è recato in massa all’appuntamento organizzato dai sindacati, chiedendo a gran voce ai segretari regionali di andare avanti uniti nella la protesta e di portare a conoscenza dell’opinione pubblica le gravi criticità e i tanti disservizi che attengono un settore martoriato come quello dei trasporto pubblico molisano.
Ed è quello che abbiamo fatto anche in occasione del sit in organizzato davanti alla sede del Consiglio Regionale e che ci ha offerto l’occasione di esplicitare anche alla politica regionale le condizioni di estrema difficoltà e di estremo disagio che affrontano quotidianamente i lavoratori del settore. Una delegazione sindacale guidata dai segretari regionali delle cinque sigle che hanno indetto lo sciopero, è stata ricevuta dalla terza commissione consiliare nonché dal Presidente del Consiglio Regionale Micone. Sono stati sviscerati nuovamente le ragioni della protesta ormai note a tutti: gli stipendi non pagati, le pessime condizioni normative e retributive dei dipendenti, le drammatiche condizioni di sicurezza, le fermate non a norma, gli autobus fatiscenti e fuori legge, ecc. ecc.
Tutti temi di estrema urgenza che vanno affrontati immediatamente a prescindere dalla riforma del settore e dal bando di gara per l’affidamento dei servizi e che avrà tempi non brevi. Non a caso le affermazioni dell’Assessore regionale ai trasporti Vincenzo Niro e che ha definito lo sciopero degli autoferrotranvieri pretestuoso, ci sono sembrate del tutto fuori luogo e soprattutto irrispettose per chi quotidianamente sta garantendo un servizio pubblico ai cittadini molisani in condizioni disastrose assumendosi peraltro responsabilità civili e penali e senza nemmeno percepire lo stipendio. Siamo noi ad essere rimasti basiti per le incaute parole dell’Assessore.
STUDIO PER IL BANDO DI GARA: PUBBLICATA LA DOCUMENTAZIONE, MA QUANTA FATICA PER TROVARLA – Le Organizzazioni Sindacali in veste di portatori di interesse e rispetto alle anticipazioni dello studio apprese lo scorso 5 novembre, procederanno a formulare osservazioni esaustive e dettagliate, fermo restando che ribadiamo da subito la nostra netta contrarietà al doppio lotto di gara che ci sembra un modo, come ai tempi dei Borboni, per fare “ammuina” e non cambiare nulla. Il materiale peraltro, dopo tanta insistenza, è stato reso finalmente disponibile nel sito della Regione (http://www3.regione.molise.it/flex/cm/pages/ServeBLOB.php/L/IT/IDPagina/11448 – ALBO PRETORIO). A tal proposito segnaliamo (a nostro avviso) una scarsa trasparenza tale da determinare la conseguente difficoltà a reperire dette informazioni indispensabili per poter formulare nel termine ultimo delle ore 12:00 del giorno 25 novembre 2019 e in qualità di stakeholder le previste osservazioni (pena di irricevibilità).
Occorre armarsi infatti di molta pazienza per capire che dietro alla dicitura “CONSULTAZIONE PUBBLICA APPROVAZIONE RELAZIONE EX DELIBERE ART 48 DEL 2017 E 49 DEL 2015 (DIRIGENZ/2019/6188/18-11-2019)” vi sia la documentazione alla base dello studio per il bando di gara per l’affidamento dei servizi di trasporto pubblico locale”.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Sanità, dal Consiglio regionale pieno sostegno a Toma

Definire una proposta di offerta sanitaria, rispettosa del dettato dell’articolo 32 della Costituzione e compatibile …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *