Trasferta in Italia per i Mondiali della Val di Sole

Il nostro stagista di ciclocross preferito È stata una trasferta indimenticabile in Italia l’anno scorso per i Mondiali. Mentre ci dirigiamo ancora una volta verso la Coppa del Mondo in Val di Sole, stiamo rivisitando la sua colonna da Corse sulla neve nel 2021. Questa colonna controlla sia le caselle dell’avventura che quelle del viaggio.

Coppa del Mondo in Val di Sol

Sarò onesto. Non ci sono stati davvero svantaggi nel lasciare il Belgio per visitare le Alpi italiane a dicembre.

Le mie motivazioni erano basate sulla razza. Per la prima volta, l’UCI ha avviato un nuovo “ambiente” per la Coppa del Mondo, con i primi campionati di Coppa del Mondo tenuti intenzionalmente sulla neve. L’idea era quella di mostrare il ciclocross in un ambiente invernale per dimostrare l’inclusione della disciplina nei Giochi Olimpici.

Vermiglio al tramonto.

La Coppa del Mondo in Val di Sole è apparsa per la prima volta in calendario a dicembre 2020 ma è diventata una cancellazione pandemica.

Non ero sicuro che l’idea della “croce di neve” fosse legittima e sarebbe stata davvero inserita nel calendario di quest’anno… o se fosse stata un’idea così grande da essere dimenticata! Quest’estate, quando l’ho visto elencato… beh, è ​​stato uno scambio appropriato per Lost Nationals (di nuovo)!

lo sfondo

C’è un retroscena nel mio entusiasmo per la bici da neve. Innanzitutto c’è la mia storia: ho iniziato a gareggiare “sul serio” come sciatore alpino all’età di sette anni. I miei sogni d’infanzia includevano le gare di discesa libera nelle Alpi. Da adolescente sono passato allo sci di fondo. Nel 2008 si è ritirata dallo sport dopo non aver partecipato alle Olimpiadi invernali del 2006 a Torino, in Italia. Ironia della sorte, ho ottenuto il mio primo passaporto in assoluto nel 2005 prima dei Giochi, sperando di averne bisogno per l’Italia. Non ho mai usato questo passaporto fino al mio primo viaggio in Belgio.

Colonna di Cory Kogan Cysek

Puoi vedere le Alpi dalla finestra.

Anch’io sono di Minneapolis. Sì, i nostri inverni sono sia freddi che nevosi. Ho passato molto tempo ad affinare le mie abilità di Snow Cross per necessità. Nessuna sorpresa: i miei migliori risultati sono mai arrivati ​​sulla neve, da Vincere la mia fascia d’età ai Nazionali di Madison E il Ai Nazionali 2016 ad Asheville per me Secondo classificato nella Hartford Singles Race.

Amanda Carey e Corey Coogan Cisek si danno battaglia per i Nationals Masters 2013 35-39 a Verona, Wisconsin.

Amanda Carey e Corey Coogan Cisek si danno battaglia per i Nationals Masters 2013 35-39 a Verona, Wisconsin.

La vita sulla neve mi aiuta a “leggere la neve”. Sembra sciocco, ma sei uno sciatore di fondo? Puoi prevedere quale lato della pista sarà più stabile in base a dove è passato per primo il battipista? Sono abbastanza bravo a prevedere come si trasformerà la neve a temperature diverse. Chi sapeva che sarebbe tornato utile?

READ  Le chiese del nord Italia unite nel più grande evento evangelico, il Focus Evangelico

VeloRevolution – Corsi WP per le Alpi!

Il mio compagno di squadra Alisson è sempre pronto a provare qualcosa di nuovo: forse una Coppa del Mondo sulla neve irripetibile? perché no?

Il nostro meccanico, Dennis D. Hondt, ha accettato di guidare il camion e le biciclette, anche se i sentieri innevati non sono il suo forte. L’amico e modello franco-canadese Mattis Boyer si è unito al nostro staff, promettendo di mostrare a Denise i trucchi del mestiere per quanto riguarda il freddo.

Allison e io abbiamo viaggiato in Italia in treno, aereo e macchina che è iniziato nell’oscurità delle Fiandre e si è concluso nell’oscurità dell’Italia circa 12 ore dopo.

Colonna di Cory Kogan Cysek

Alison rimette le gambe sul treno.

C’è stato molto rumore Programma di viaggio di Wout Van Aert. Sebbene la sua distanza di viaggio fosse enorme, sospettiamo che potrebbe non aver utilizzato il treno belga. Né probabilmente stava guidando le nocche bianche sulle Alpi in una piccola auto a noleggio a due ruote. (Va bene mamma, avevamo le catene nel bagagliaio!) Wout era decisamente nei nostri pensieri mentre tornavamo a casa dalla stazione dei treni alle 23:00. (Dopo tutto, all’epoca era in Spagna!)

E Denise e Mattis? Sono arrivati ​​in Italia venerdì mattina dopo essere stati deviati a causa di un blocco del traffico.

posto

In quanto paese di montagna, Vermiglio non è mai stato a corto di attrezzature per fare le valigie e prendersi cura della neve. Hanno fornito l’infrastruttura per la creazione del corso. Tuttavia, per la progettazione e la costruzione del percorso, Flanders Classics ha coinvolto un team di progettisti di percorsi belgi a partire da 10 giorni prima della competizione.

Dato che le nostre biciclette sono arrivate venerdì, siamo stati in grado di scendere in pista mentre i lavori erano ancora in corso. La sorpresa più grande per me è stata il numero di belgi nell’equipaggio. (Anche la troupe della produzione televisiva sembrava essere fiamminga.) Durante il corso, mi sono ritrovato a chiamare “pas op” (una frase olandese per “Attenti!”) quando passavo davanti ai lavoratori.

Onestamente, puoi facilmente identificare i belgi! Erano vestiti in modo molto casual per il freddo e ci guardavano con gli occhi spalancati, i primi passeggeri in pista. Il meccanico Dennis concorda sul fatto che si sentivano una specie. Prima di lasciare il Belgio, ha preso una calda giacca a batteria. (Ci sono alcuni giorni in cui tre strati di camicie di flanella semplicemente non funzionano!) Dennis ha detto che questa era più neve di quanta ne avesse vista negli ultimi 40 anni della sua vita messi insieme.

Colonna di Cory Kogan Cysek

Recensione coreana da Airbnb.

Per me è stato molto interessante capire come gestire la preparazione del corso. Arano, imballano o puliscono la neve? Hanno optato per un po ‘di ciascuno. Il buco sembra essere stato in gran parte scavato. La maggior parte del percorso è stata leggermente rimorchiata, insaccata ma non pulita. Alcuni tratti sono perfettamente preparati ed è stata posata una pista da sci nordico. Un paio di funzionalità sono state lasciate minime se lasciate impacchettate. Il camber esterno nel punto più alto del campo è stato lasciato così, così come molti angoli. Ovviamente, l’obiettivo era quello di darci un mix di esperienze. Non volevano che l’intero corso fosse pieno e potenzialmente ghiacciato. Miravano anche a creare alcune sezioni di neve “pesante” che costringessero a correre o almeno richiedessero molta potenza. L’effetto netto è stato che alcune sezioni scorrevano come sabbia.

READ  Fai brillare la tua vacanza con questo spumante del più recente sito Patrimonio dell'Umanità dell'UNESCO in Italia

Battistrada e pressioni dei pneumatici

Mi chiedono molto sulle gomme. Sulla base della mia esperienza sulla neve, avevo in mente alcuni percorsi preferiti, ma ho scelto di non fare supposizioni e di provare tutto.

Durante un giro di venerdì, abbiamo scoperto qualcosa di molto interessante riguardo alle condizioni meteorologiche del luogo. Il sentiero era profondo in una valle circondata da alte montagne su tutti i lati. Sebbene fosse una luminosa giornata di sole, il luogo era ombreggiato dalle montagne tranne che tra le 12:30 e le 14:30. In effetti, parti del luogo non hanno mai visto il sole. Venerdì, sabato e domenica, le temperature sono salite leggermente sopra lo zero sotto il sole di mezzogiorno, trasformando la neve in fanghiglia. Di conseguenza, Allison e io abbiamo utilizzato la nostra finestra preride sabato per trovare il miglior battistrada/compressione per le 13:30, il nostro orario di inizio domenica. la risposta? Grifo sfida il 13/15 per me.

Dove la neve era più asciutta e ghiacciata, sono state preferite le chicane, anche a bassissima pressione. Il battistrada sul bordo del pneumatico si trova sulle camme esterne, mentre il battistrada centrale fornisce una buona zona di contatto con la neve. Tuttavia, quando la neve si è spostata, è diventato un po’ più difficile ottenere trazione in salita. Le Grifos hanno offerto un po’ più di arrampicata senza perdere troppa trazione sulle camme.

Sulla linea di partenza della mia corsa ho visto solo battistrada medio (come il Grifo) e fango leggero (come il Baby Limus). Non ho visto la gara maschile, ma mi è stato detto che Pidcock ha corso sulle chicane. Questo ha senso non solo perché è un grande gestore di bici, ma anche perché l’ombra ha colpito la valle per la gara maschile, abbassando bruscamente le temperature e creando una superficie molto più ghiacciata.

READ  Sequestrato il regime 'Seduzione e Furto' in Italia

etnico? Segretamente avevo grandi aspettative.

Era difficile prevedere la reazione di belgi e olandesi alla neve, alle basse temperature e ai viaggi. A quanto pare, “la crema sale verso l’alto”. Nonostante tutti i timori che “Snow Cross” sarebbe stato troppo diverso, i risultati riflettevano sostanzialmente le valutazioni. Sembra essere rimasto un concorso equo.

Da parte mia, ho fatto un paio di giri molto forti, andando al 25esimo all’inizio e rimanendo in contatto con un gruppo durante il secondo giro. Sfortunatamente, sono scivolato fuori dal camber verso la fine del secondo giro, e quando mi sono alzato, sono stato spezzato. Con quella qualità sul campo, non sono in grado di colmare una lacuna… Quindi rallegrati e rimpiangi!

Ventilatori e moka

Quello di cui non mi pentirò è fare il viaggio. Facevamo parte di un evento che cambierà lo sport o Sii una volta nella vita. Allo stesso modo, non dimenticherò le montagne, il sole, i fan italiani e il caffè!

Colonna di Cory Kogan Cysek

Una bella tazza di caffè per riscaldare il corpo.

Da notare quanto sia stata diversa la gara davanti agli italiani. Sono abituato a essere acclamato (e schernito) in Belgio. Sì, ci sono veri devoti di questo sport che ci apprezzano tutti. Allo stesso modo, a volte, la festa quasi oscura l’evento sportivo. Sapevamo che c’era qualcosa di diverso quando gli italiani si sono presentati sabato. Sono arrivati ​​molto presto e stavano girando intorno ai camion, controllando motociclisti e biciclette (e non fumandoci in faccia!). Il giorno della gara, tutti ci hanno acclamato, prima di tutto con entusiasmo. Spesso gridavano “Diya, Diya”, che significa “vai, vai”, ma i loro suoni sono come “muori, muori”. Ho dovuto ridere: data la sfida tecnica del percorso e la leggera elevazione, “muori, muori” suonava proprio bene!

Il parcheggio era persino giusto! Con l’eccezione di alcuni grandi (Marianne Vos, Wout van Aert e Tom Pidcock), il parcheggio delle autovetture era primo arrivato, primo servito. Essendo arrivati ​​venerdì pomeriggio, ci è stato assegnato un posto molto vicino alla fine, accanto a dei tedeschi. Domenica, Alison e io abbiamo riso fino al nostro parcheggio. I campi olandesi e belgi erano parcheggiati più lontano di noi! Improvvisamente, non siamo più “meno di”.

Infine, una parola sul caffè. Quando siamo entrati nel locale il primo giorno, la donna allo stand stava sorseggiando un espresso, una moka seduta sul davanzale dietro di lei. Alison e io abbiamo adorato questa foto dell’Italia! Nello spirito di “When We’re in Rome”, mentre in Italia bevevamo un sacco di caffè…..

Colonna di Cory Kogan Cysek

Moka

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *