Home / Politica / Toma: “Zes, un progetto per rilanciare il Molise”
sdr

Toma: “Zes, un progetto per rilanciare il Molise”

Lo ha detto in maniera chiara, il presidente della giunta regionale, Donato Toma, nel corso del primo dei tre incontri all’interno dei Nuclei industriali del Molise in merito alla questione del progetto della Zona economica speciale. “ Si tratta – ha detto il presidente della giunta regionale – di un progetto che andrà a garantire la ripresa economica del Molise per i prossimi anni. Abbiamo provveduto a perimetrare 516 ettari di terreno in Molise – ha aggiunto – per creare le condizioni di attrattività per le aziende che riterranno di investire in regione grazie alle incentivazioni fiscali della Zes. Si tratta – ha proseguito il presidente Toma – di una strategia programmatica legata all’area adriatica e che andrà a dare forza all’idea di sviluppo che noi abbiamo”. Ricordiamo, che lo studio di fattibilità è stato presentato dalla Regione Molise al Ministero competente. Si tratta, come ha ricordato lo stesso presidente Toma, della perimetrazione di un’area di 516 ettari. Di questi, il 20% sono compresi nell’area di crisi complessa tra Campobasso e Isernia e il 10% in quella di Isernia-Venafro. Una residua parte, invece, non è stata catalogata per l’uso, eventuale, che aziende riterranno di beneficiare in altre parti del territorio molisano. La Zes molisana è collegata con la Regione Puglia e vede indicato il porto di Termoli come il fulcro dell’intera azione così come proposta a livello europeo. Il primo confronto, si è avuto nel Nucleo industriale di Pozzilli in attesa di quelli a Campobasso e Termoli. “E’ questa – ha chiuso il presidente Toma – la vera sfida per il rilancio economico del Molise”

Di admin

Potrebbe Interessarti

Michele Iorio e Aida Romagnuolo a Toma: Sul Piano regionale del Turismo dato a Sviluppo Italia Molise bisogna eliminare dubbi e perplessità di ogni genere

Dei suggerimenti di Michele Iorio, che della Regione conosce le pieghe più recondite per essere …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *