Home / Politica / Testamento: “Guide turistiche, in Molise c’è confusione normariva”

Testamento: “Guide turistiche, in Molise c’è confusione normariva”

“Ho indirizzato un’interpellanza al Ministro Centinaio per sapere quali iniziative intende adottare per regolamentare in modo puntuale e preciso la professione di guida turistica, riconoscendone la professionalità e il loro imprescindibile legame con il territorio”. Lo afferma Rosa Alba Testamento, Portavoce del MoVimento Cinque Stelle in Commissione Cultura alla Camera dei Deputati.  “La figura di guida turistica – continua la Portavoce – risente attualmente dell’assenza di una disciplina normativa che garantisca un legame diretto tra il diritto di esercizio della professione e la conoscenza delle peculiarità artistiche, storiche e culturali del territorio o della Regione in cui si ottiene l’abilitazione. Inoltre – aggiunge – anche a causa di questa confusione normativa, molte Regioni come il Molise, ormai da molti anni, non bandiscono più concorsi per l’abilitazione, impedendo a molti giovani con una solida preparazione storico-artistica e archeologica di poter esercitare la professione”.

“Di fatto negli ultimi anni si è fatto, quindi, sempre più ricorso a personale non abilitato, perlopiù dipendente da società e cooperative e pagare questa situazione sono sia i lavoratori che, non potendo nella maggior parte dei casi far valere contrattualmente alcuna abilitazione, vengono sottoposti a vere e proprie condizioni di sfruttamento, sia gli utenti che subiscono una sensibile riduzione degli standard di qualità e professionalità dei servizi offerti. Per questo è necessario e urgente un intervento normativo volto a disciplinare finalmente la materia” – conclude Testamento.

 

Di admin

Potrebbe Interessarti

PER I LAVORATORI ATM LE FESTIVITA’ SONO SEMPRE AMARE

“Prendiamo atto della buona volontà della Regione Molise nel voler risolvere l’annoso problema del pagamento …

Un Commento

  1. Io casi sono 2 o la regione bandisce un concorso selettivo o bandisce corsi di formazione in materia da cui si esce abilitati alla professione indipendentemente se la si svolga da liberi prpfessionisti riuniti in cooperative, ovviamente sia corsi che concorsi eventuali dovrebbero essere aperti a tutti ma x il concorso come sempre una preselezione e per i corsi un piccolo esame di ammissione che accerti anche la capacità relazione interpersonale con gli eventuali fruitori del servizio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *