Takeaway dal terzo giorno del processo al Congresso di Steve Bannon

Per fornire la prova che Bannon, ex consigliere dell’ex presidente Donald Trump, disprezzava il Congresso per non aver rispettato una citazione nell’indagine della Camera del 6 gennaio, il Dipartimento di Giustizia ha messo solo due testimoni sul podio.

Interrogando l’impiegata del comitato della Camera Kristen Amerling, i pubblici ministeri hanno indirizzato la giuria attraverso la traccia cartacea dei documenti che informavano Bannon che le scadenze di ottobre erano per lui per archiviare documenti e sedersi a testimoniare. Nel frattempo, la squadra di Bannon ha preso ciò che poteva – inclusa la sua recente offerta di testimoniare davanti alla commissione – per cercare di suggerire che Bannon avesse motivo di credere che la scadenza non fosse stata fissata, accennando anche a presunti pregiudizi contro di lui.

Il ritmo della testimonianza di mercoledì dipendeva in gran parte dalle lettere tra il comitato ristretto della Camera per indagare sulla ribellione del 6 gennaio e Bannon.

Molte delle difese che Bannon potrebbe tentare di fare sono state minate dalla traccia cartacea dei documenti che la commissione gli ha inviato in merito alla sua citazione e l’accusa è stata in grado di mostrare questi documenti attraverso il suo controinterrogatorio di Emerling.

I documenti mostravano che Bannon veniva avvertito che il mancato rispetto della citazione rischiava un rinvio penale. Hanno mostrato che il comitato ha respinto le sue affermazioni secondo cui le affermazioni di privilegio esecutivo di Trump gli avrebbero impedito di collaborare. Hanno mostrato che il comitato aveva riaffermato le scadenze della citazione e le aspettative dei legislatori che avrebbe rispettato per allora.

Amerling è stato anche interrogato sulle risposte che la commissione ha ricevuto dall’avvocato di Bannon. Ha testimoniato che Bannon non ha mai chiesto la modifica delle scadenze, né ha fornito alla commissione ragioni a parere della commissione che avrebbero aiutato a giustificare la sua non conformità, come la sua incapacità di comprendere le indicazioni della citazione.

Questa testimonianza è stata importante per il caso del Dipartimento di Giustizia perché ha creato buchi nella principale categoria di difesa che Bannon è autorizzato a mettere in atto: sfidare le scadenze rigorose di citazione.

READ  Numero superiore al normale di uragani atlantici previsto per la stagione 2021

Stando alle tracce cartacee, l’accusa voleva che la giuria vedesse che aveva l’opportunità di spiegare un caso del genere, e non l’ha mai fatto, soprattutto di fronte alle ripetute assicurazioni della giuria che si aspettava che rispettasse la scadenza. E la commissione, almeno secondo i documenti presentati durante la testimonianza di Amirling, non ha mai dato a Bannon alcuna indicazione che i termini per la conformità fossero allentati.

La squadra di Bannon dice che il comitato gli ha dato flessibilità

Dopo una serie di sentenze che hanno limitato le sue difese, Bannon si è finalmente assicurato il possesso a suo favore, con il giudice distrettuale Carl Nichols che mercoledì ha dato alla sua squadra l’approvazione ad accettare i suoi avvocati e le recenti lettere di Trump a una giuria per scagionarlo per aver testimoniato. Con la sentenza, hanno anche riconosciuto una lettera precedentemente non segnalata inviata la scorsa settimana dal presidente del comitato per le lettere Benny Thompson in risposta all’offerta di Bannon di testimoniare davanti al comitato.

Il team di Bannon non ha avuto molto su cui lavorare in questa esperienza. Quindi la capacità di usare le lettere nell’interrogatorio di Emerling è stata una rara opportunità per loro di ampliare la difesa di Bannon e ha permesso al soggetto del privilegio esecutivo di commentare il caso più di quanto intendesse il Dipartimento di Giustizia. Il team di Bannon stava cercando di utilizzare la corrispondenza per far avanzare il caso secondo cui Bannon aveva motivo di credere che le date di ritorno di ottobre non fossero una scadenza difficile ma piuttosto punti di svolta flessibili nel processo di negoziazione della cooperazione di Bannon.

READ  L'FBI fa irruzione nella casa di un bombardiere di Nashville di 63 anni, trovando una donna di 29 anni.

Nella sua domanda su Amerling, Corcoran si riferiva specificamente all’indicazione di Thompson che avrebbe ospitato Bannon a testimoniare.

Il team di Bannon sperava che la giuria vedesse che come prova che, anche quando le citazioni avevano date di ritorno, il processo era aperto e che Bannon aveva motivo di credere che quando avesse superato le scadenze di ottobre, la sua successiva collaborazione sarebbe stata accettabile per la Commissione. (Il giudice ha incaricato i giurati che qualsiasi futura conformità da parte di Bannon alla citazione non era rilevante per il fatto che fosse inadempiente nell’ultimo anno.)

Giovedì è possibile fotografare la sessione di prova con la giuria

Il Dipartimento di Giustizia ha rapidamente concluso il suo caso mercoledì con una breve serie di domande per il suo secondo testimone, l’agente dell’FBI Stephen Hart, che ha letto le dichiarazioni pubbliche di Bannon dicendo che sarebbe stato dalla parte di Donald Trump e ha collegato i suoi account sui social media alle storie che lo descrivono. Per il mancato rispetto della commissione, anche trascorso un termine di convocazione.

Ora la domanda sarà quanti testimoni, se ce ne sono, la squadra di difesa contatterà per assistere nel caso di Bannon. Se non rivendicano nulla – e Bannon non testimonia, il caso potrebbe andare alle deliberazioni della giuria pomeridiana.

Pence si riferisce a un'offerta del 2024 mentre incontra i legislatori e si prepara per il discorso del Comitato Supremo

Giovedì sera, la Commissione d’inchiesta della Camera dei rappresentanti terrà la sua audizione preliminare su Trump alla Casa Bianca il 6 gennaio. Finora, Bannon è stato una figura marginale in ciò che le udienze della Camera hanno presentato e la sua menzione potrebbe continuare a stento, dato che il 6 gennaio 2021 non era un funzionario amministrativo. Ma la condanna nel caso potrebbe prendere d’assalto gli affari della Camera. dell’attesissimo evento pubblico.

Durante il procedimento di mercoledì, Amerling ha spiegato perché la commissione ha chiamato Bannon così presto nelle sue indagini. Ha testimoniato che la commissione credeva che qualsiasi cosa Bannon condiviso potesse portarli a testimoni o altri documenti, o forse aiutarli a capire cosa non avrebbero dovuto perseguire.

READ  Weather Network - Un vulcano sottomarino erutta creando una nuova isola al largo della costa del Giappone

Dopo il processo, Bannon non ha risposto alla domanda se avrebbe preso posizione a sua difesa.

Una strategia di difesa: convocare i Democratici

Il procedimento di mercoledì è iniziato con una discussione tra avvocati e un giudice sulla questione se il caso sarebbe stato un circo politico.

Nichols ha detto che non le avrebbe permesso di diventarlo.

Tuttavia, poche ore dopo l’interrogatorio di Amirling da parte dell’avvocato difensore Evan Corcoran, ha ripetutamente messo in dubbio la sua politica. Le domande hanno tentato di mostrare alla giuria e al comitato di Washington, DC, che loro e il gruppo di orientamento democratico potrebbero aver scelto ingiustamente Bannon tra migliaia di testimoni.

Il gruppo bipartisan di senatori ha tagliato l'accordo per modificare le leggi elettorali in risposta all'attacco del 6 gennaio

Corcoran ha potuto chiedere ad Amirling, una veterana di Hill da due decenni, dei partiti di legislatori con cui ha lavorato e dei suoi contributi politici. La sua precedente presenza in un club del libro insieme al pubblico ministero sul caso si è trasformata in una serie di domande vitali. Ma quando gli avvocati di Bannon si sono rivolti alle domande sulle più ampie dinamiche politiche della Camera dei rappresentanti e sulle azioni del comitato, il giudice ha ampiamente proibito loro di andarci.

Alcune delle risposte di Amerling hanno anche ostacolato l’interrogatorio di Corcoran. A un certo punto, ha cercato di ricordare quando ho iniziato a lavorare alla bozza di un rapporto di più pagine sul disprezzo per la commissione, suggerendo che avrebbe potuto essere prima che le scadenze di Bannon fossero scadute. Ma Amerling ha detto che credeva che non fosse così, anche se non poteva fornire una data esatta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.