Home / Territorio / Sisma, da lunedì i fondi

Sisma, da lunedì i fondi

A distanza di 5 mesi dalla scossa di terremoto del 16 agosto, che ha interessato l’area del basso Molise, sono pronti i fondi per l’autonoma sistemazione. Significa che i cittadini le cui abitazioni di proprietà – ma anche quelle in affitto – sono risultate danneggiate in maniera considerevole dal sisma di agosto, possono contare su un indennizzo dello Stato per trasferirsi e pagare le spese relative all’affitto temporaneo in una casa sicura, nell’attesa dei lavori di sistemazione  della propria abitazione. I soldi messi in campo dal Ministero per la prima fase dell’emergenza terremoto in Basso Molise, disponibile da prima di Natale nelle casse della Regione Molise, arriverà ai Comuni interessati. Che sono nello specifico sette e cioè Montecilfone, Palata, Larino, Guglionesi, Acquaviva, Guardialfiera e Tavenna. I rispettivi sindaci trasmetteranno al commissario di governo l’elenco di tutti i beneficiari del contributo, che sono circa 450 nel complesso, entro la mattina di lunedì 14 gennaio.

Toccherà ai sindaci, attraverso i loro uffici, di riempire gli stessi moduli che certifichino chi ha diritto al contributo per l’autonoma sistemazione.  Non solo chi ha temporaneamente perso la casa di proprietà, ma anche chi si trovava in affitto e ha subito il disagio di aver dovuto lasciare tutto e trovare una sistemazione alternativa ha diritto al contributo, che si calcola in base al numero degli inquilini e alle caratteristiche degli stessi, con bonus supplementari in caso di disabili e persone sopra gli 85 anni di età. Un rimborso che copre al momento sei mesi, tanti quanti sono quelli stabiliti dall’ordinanza, ma che sarà prorogato qualora i lavori di sistemazione e ristrutturazione dovessero tardare.

Di admin

Potrebbe Interessarti

MANIFESTAZIONI NATALIZIE A CAMPOBASSO IN TONO DECISAMENTE MINORE

di Massimo Dalla Torre Sono passati pochissimi giorni dal termine delle festività natalizie che, a …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *