Home / Politica / Sanità, approvato il piano per limitare le liste di attesa

Sanità, approvato il piano per limitare le liste di attesa

Dal 1 gennaio 2020, scatteranno i nuovi provvedimenti per cercare di limitare i tempi di attesa per le visite o esami in sanità. I commissari ad acta, infatti, hanno approvato il Piano che prevede una diversa indicazione per cercare di limitare i tempi di attesa. Si partirà dalla fase di priorità che i medici dovranno indicare nella loro ricetta. La classe di priorità ed il quesito diagnostico sono informazioni di importanza strategica  per il governo dell’accesso alle prestazioni e al monitoraggio delle liste di attesa.  L’utilizzo dell’indicazione della classe di priorità nella pratica prescrittiva consentirà ai sistemi di prenotazione di indirizzare le richieste alle corrispondenti “agende configurate  per classi di priorità”. Nelle prescrizioni, pertanto, deve essere chiaro se trattasi di prestazione in primo accesso o prestazione successiva al primo accesso. Saranno distinte in Urgenti, da eseguire nel più breve tempo possibile e, comunque, entro 72 ore; Breve, da eseguire entro 10 giorni; Differibile, da eseguire entro 30 giorni per le visite o 60 giorni per gli accertamenti diagnostici; Programmata, da eseguire entro 120 giorni. Per il Piano dei commissari si individua quindi come prioritaria, per la riduzione e il controllo dei tempi di attesa, la capacità da parte del Sistema Sanitario Regionale di gestire le domande di prestazioni attraverso il  ricorso appropriato alle prestazioni diagnostico-terapeutiche. Sarà, questa, la volta buona per cercare di limitare i tempi di attesa? Bisognerà attendere l’entrata in vigore del Piano a partire dal prossimo 1 gennaio.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Sanità molisana allo sfascio. Prima di sparare su Roma guardiamo in casa nostra

E’ la sanità, nel Molise, la vera, grande, malata. Affetta da una sorta di debolezza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *