Home / Politica / Sadismo ferroviario nei confronti dell’umanità molisana

Sadismo ferroviario nei confronti dell’umanità molisana

di Giuseppe Saluppo

Sadismo ferroviario anche per qualche panchina? Già. Nessuno che sia intervenuto a sistemare qualche panchina lungo il binario 25. Quello sul quale staziona il treno per Campobasso alla stazione di Roma Tiburtina. Al 24 le panchine ci sono, come lungo gli altri binari. Al 25 no. In quest’Italia dell’assurdo conclamato c’è gente che ha difficoltà a mettere al primo posto la gente che si alza presto al mattino e prende il treno locale per andare a lavorare, studiare o altro.  Nessuno può dire che abbia senso non mettere le panchine. No, i  viaggiatori molisani devono imparare a soffrire, soprattutto se son vecchi, stanchi, malati o soltanto pigri. Tutti in piedi ad aspettare il treno. Possibile, che nessuno possa convincere le Ferrovie dello Stato ad amare l’umanità molisana? A smetterla con questo sadismo ferroviario nei confronti dell’umanità molisana?

Di admin

Potrebbe Interessarti

Miracolo molisano: la sede regionale di Bruxelles avrebbe aperto le porte dell’Europa al Molise! Parossismo politico e amministrativo auto celebrativo di una Regione che non si cui cura dei lavoratori della Gam, dell’Itr e dello Zuccherificio; che ha la sanità più sfessata d’Italia e un tasso di disoccupazione giovanile da primato

Apriamo le orecchie e aguzziamo l’ingegno e predisponiamoci alla standing-ovation da tributare al presidente Donato …

Un Commento

  1. È evidente che la cosa possa impensierire, si potrebbe pensare che fosse una specie di “ricatto ” per essere riusciti ad evitare il 20bis, ma forse semplicemente le panchine lì non c’erano già da prima e non le hanno (ancora?) messe. Spero che sia così altrimenti sarebbe davvero grave

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *