Rugby Sei Nazioni | Candidati alla svolta: l’Italia

Il terzino volante Ange Capuzzo ha dato il meglio di sé quando gli Azzurri hanno conquistato la loro prima vittoria in assoluto contro l’Australia a novembre.

Il 23enne si è presentato al mondo al torneo dello scorso anno, preparando clamorosamente la clamorosa meta nel finale di Eduardo Padovani contro il Galles, ottenendo la sua prima vittoria dal 2015.

Qui diamo uno sguardo a tre giovani che sperano di seguire le orme di Capuozzo e lasciare il segno al Guinness Six Nations del 2023.

Lorenzo Cannone

Lorenzo Cannon ha già iniziato brillantemente la sua carriera internazionale.

L’attaccante della Benetton è stato consegnato per la prima volta da Kieran Crowley nella serie Autumn Nations, partendo dall’ottava posizione quando l’Italia ha accolto le Samoa allo Stadio Plebiscito.

Il 21enne sembrava fuori posto mentre i commissari correvano in sei tentativi, con Cannone che ha conquistato il quinto posto pochi minuti dopo che suo fratello maggiore, Niccolò, è entrato nella mischia.

Cannone jr. essere aggredito dai suoi compagni di squadra dopo essersi tuffato in un angolo, reazione indicativa della sua immediata popolarità.

Candidati eccezionali: Inghilterra

Ma è il suo gioco a tutto tondo che lo preoccupa di più ed è il motivo per cui ha iniziato le ultime due partite con l’Italia nel 2022.

Gestendo una solida resistenza e una guida instancabile, il Cannone ha tutti gli attributi necessari per consolidare la sua posizione negli anni a venire.

Alessandro Garbisi

Come Cannone, Alessandro Garbisi sta percorrendo un percorso noto alla sua famiglia, con il fratello maggiore Paolo che attualmente ha collezionato 21 presenze con la nazionale.

READ  Coronavirus: l'Italia vuole tenere chiuse le scuole fino a gennaio: proteste

Dopo aver impressionato nelle edizioni consecutive del Sei Nazioni Under 20, Alessandro è passato al livello senior nel 2022 e ha eguagliato l’impresa di dribbling di Kanuni al suo debutto, in Romania in estate.

Candidati eccezionali: Wells

Il giovane è stato il secondo violino del veterano sudafricano e capitano della Benetton Dewaldt Duvenage nelle ultime due stagioni.

Ma una recente serie di quattro partite per il club trevigiano ha dato al 20enne la fiducia di poter raccogliere facilmente il testimone quando Duvenage si trasferirà.

L’attuale numero 9 italiano è il giovane gallese Stephen Varney, titolare di tutte e tre le partite della recente serie Autumn Nations.

Tuttavia, il 21enne ha lottato per mantenere una posizione di partenza titolare per il club di Gloucester, combattendo con l’esperto australiano Ben Meehan.

Ma anche se Varney è favorito su Garbissi, il piccolo veneziano sarà pronto ad avere un enorme impatto dalla panchina durante il suo primo assaggio del Guinness Sei Nazioni da senior.

Luca Rizzoli

Luca Rizzoli, uno dei tanti entusiasmanti giovani kit italiani, ha iniziato ad affermarsi come temibile front rower alle Zebre.

E il ventenne ha messo da parte tutti quelli che si sono messi sulla sua strada nella serie estiva del Sei Nazioni Under 20 del 2022, facendosi un nome come qualcuno con cui non si può scherzare.

L’uomo sciolto è stato premiato per i suoi exploit nella fascia d’età con il suo debutto nella United Rugby League in questa stagione.

E mentre Rizzoli deve ancora finire dalla parte vincente per gli azzurri, sembra solo una questione di tempo prima che venga arruolato nel pacchetto di Crawley.

READ  Italia e Stati Uniti si sono qualificate per le semifinali

Candidati eccezionali: Irlanda

Resta da vedere se il rumeno vincerà il suo primo titolo Guinness World Six nel 2023, ma è sicuramente qualcuno da tenere d’occhio per il futuro.

Menzione d’onore:

Un’altra stella della promettente rosa Under 20 dell’Italia è il giovane terzino Lorenzo Coniglio, che avrebbe fatto una grande impressione se non fosse stato per la fulminea ascesa di Capuzu. Sebbene non sia più benedetto dalla giovinezza, il 26enne esterno Pier Bruno Sembra pronto per un torneo di successo dopo tre tentativi nella serie Autumn Nations. Finalmente, tutti gli occhi saranno di nuovo puntati Tommaso Menoncello Dopo che il gomito posteriore è diventato il più piccolo mai segnato nei campionati dello scorso anno.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.