Royal Bank ha ordinato di rivelare chi c’è dietro 97 conti offshore

Alla Royal Bank of Canada è stato ordinato di rivelare i veri proprietari di 97 società offshore che hanno utilizzato i suoi servizi, ma un critico si chiede perché la Canada Revenue Agency abbia impiegato sei anni per ottenere una così grande quantità di informazioni che potrebbero aiutare a rilevare la frode fiscale.

Tutte le società coinvolte sono registrate alle Bahamas, che è un paradiso fiscale, e originariamente è apparso come parte di un fascicolo Fuga di documenti finanziari chiamata Bahamas Leaks.

Nelle osservazioni alla Corte federale canadese, la CRA afferma che la maggior parte delle aziende ha utilizzato tattiche per “offuscare le identità delle persone che controllano davvero e possiedono in modo vantaggioso queste entità” e vogliono verificare se i veri proprietari sono canadesi che si nascondono nei loro soldi. Paradisi fiscali.

“L’Agenzia di regolamentazione delle comunicazioni (CRA) è preoccupata che alcune o tutte queste 97 società delle Bahamas possano essere controllate e/o possedute da persone residenti in Canada”, ha affermato l’agenzia nella nota del tribunale.

Individui e aziende canadesi 23 miliardi di dollari In fondi dichiarati e conosciuti detenuti o investiti alle Bahamas, più di Francia, Spagna e Portogallo messi insieme. un CRA 2018. Studio Ha suggerito che i canadesi hanno altri $ 76 miliardi a $ 241 miliardi di ricchezza nascosta e non dichiarata nascosta in tutte le giurisdizioni offshore messe insieme, ma non la suddivide per paese.

A maggio, un giudice ha accolto una richiesta del governo federale di ordinare alla Royal Bank e alla sua controllata RBC Dominion Securities di fornire qualsiasi informazione che aiuterebbe l’Autorità di regolamentazione delle comunicazioni a identificare i proprietari di 97 società delle Bahamas. La banca non si è opposta al governo.

READ  Elon Musk dice a Zelensky che altre stazioni Internet per SpaceX sono in arrivo

La CRA afferma nei suoi atti giudiziari che tutte le società hanno avuto conti di investimento con Royal Bank o RBC Dominion ad un certo punto, “indicando che potrebbero essere controllate da persone residenti o ubicate in Canada”.

Non è intrinsecamente illegale per i canadesi avere un conto o una società offshore, ma qualsiasi attività superiore a $ 100.000 e qualsiasi reddito deve essere segnalato ai fini fiscali.

Mamma CRA su altre banche

CBC / Radio Canada Segnalato originariamente nel 2016 Le Bahamas Leaks hanno rivelato che tre banche canadesi hanno fornito servizi a quasi 2.000 società offshore alle Bahamas dal 1990. Le banche erano conosciute come “agenti registrati” – broker autorizzati che pagano tasse annuali al registro delle Bahamas, gestiscono scartoffie e in molti casi offshore sono costituite anche società.

I file trapelati hanno mostrato che la Royal Bank ha agito come agente per 847 società delle Bahamas incluse nei dati trapelati, società con nomi di Abbatis 1 Inc. A Yellow Jacket Holdings Ltd.

La Royal Bank non ha risposto alle domande di CBC News sulle società delle Bahamas, ma ha fornito una dichiarazione in cui afferma che nel complesso ha “standard elevati e un ampio processo di due diligence per rilevare e prevenire qualsiasi attività illegale che si verifica tramite RBC”.

Né la CRA né la RBC spiegheranno come il numero di società offshore di interesse sia stato ridotto a 97 da 847. Parte di questa riduzione è possibile perché anche nel 2016 quasi la metà di queste società era inattiva o era già stata sciolta. È possibile che il CRA abbia anche stabilito che molte società non hanno azionisti canadesi o altri legami con il Canada che potrebbero comportare passività fiscali.

Toby Sanger di Canadians for Tax Justice afferma che le Bahamas sono una giurisdizione notoriamente segreta in cui le persone spesso incanalano denaro per nascondersi. (CBC)

Non vi è alcuna indicazione nell’agenda della corte federale che il CRA abbia inseguito nessuna delle società gestite da CIBC o Scotiabank. È possibile che l’agenzia delle entrate abbia ottenuto informazioni dirette e riservate da queste due banche avvalendosi dei poteri previsti dalla legge sull’imposta sul reddito Il che non richiede prima l’ottenimento di un’ingiunzione del tribunale, ma non lo dirà.

“Il TRA generalmente non pubblica informazioni sui nostri metodi di conformità, in quanto potrebbe fornire una tabella di marcia per la non conformità”, ha affermato l’agenzia in una dichiarazione a CBC News. “In quanto tale, non possiamo confermare se la CRA cercherà il permesso di recuperare dati di terze parti da CIBC e Scotiabank”.

‘Molto frustrante’

Toby Sanger, consulente politico senior di Canadians for Tax Justice, ha affermato che la mancanza di trasparenza non aiuta l’impressione che la TRA “sembra più focalizzata sul perseguimento di obiettivi facili, piccoli individui”, piuttosto che casi più grandi e complessi di evasione fiscale e evitamento All’estero.

“Non dovremmo semplicemente scrivere questi assegni bianchi assoluti che consentono alle società ricche e agli individui con denaro in qualsiasi giurisdizione decidano di smettere di evitare le tasse”, ha detto in un’intervista.

Il CRA, che annunciare Sulla scia di altre fughe di notizie, come Documenti di Panama Foglie del paradiso questo è tutto ero Soffocamento Sulle bufale fiscali offshore, inoltre, non spiegherebbe perché ora sta solo cercando record di proprietà per 97 società offshore, sei anni dopo la fuga di notizie alle Bahamas.

“È molto frustrante e frustrante che la TRA abbia impiegato così tanto tempo per agire su queste fughe di notizie”, ha detto Sanger. “L’azione lenta in questo caso nei laghi delle Bahamas significa che sono solo un lupo che piange, ed è più un latrato che un morso”.

I record di Bahamas Leaks sono stati ottenuti da Sueddeutsche Zeitung, lo stesso quotidiano tedesco che ha fatto trapelare i Panama Papers, che ha poi condiviso i file con l’International Consortium of Investigative Journalists con sede a Washington e una rete di media partner globali, tra cui CBC/Radio-Canada.

I Panama Papers sono usciti alcuni mesi fa nel 2016, ma l’Agenzia di regolamentazione delle telecomunicazioni non ha ancora intentato alcuna accusa penale contro chiunque sia menzionato in questa fuga di notizie. Altri paesi hanno già presentato centinaia di accuse e condanne.

La CRA ha ricevuto quasi 1 miliardo di dollari di finanziamenti aggiuntivi tra il 2016 e quest’anno per combattere l’evasione e l’evasione fiscale. In un’e-mail alla CBC, l’agenzia non ha potuto citare una sola condanna penale ricevuta negli ultimi quattro anni e mezzo che si riferisca all’evasione fiscale all’estero.

L’agenzia ha detto la scorsa settimana che a un certo punto aveva cinque indagini penali aperte derivanti dai Panama Papers, ma in seguito ha abbandonato tre indagini. I restanti due casi sotto inchiesta sembrano valere 77 milioni di dollari Presunta evasione delle ritenute d’acconto a Vancouver, e Indagine sul finanziere dell’Alberta Oil Patch.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.