Home / Politica / Romagnuolo: una mia mozione, perché l’Asrem paghi subito le ditte fornitrici.

Romagnuolo: una mia mozione, perché l’Asrem paghi subito le ditte fornitrici.

“E’ una situazione che trovo di una gravità inaudita e che non merita nessuna giustificazione, perché ancora una volta a rimetterci sono i pazienti e le quelle aziende molisane gestite da giovani imprenditori che hanno ancora il coraggio di restare nel Molise. E tutto questo accade, solo per l’inerzia di chi viene pagato per risolvere i problemi e non per crearli, come stanno facendo all’Asrem, perchè non rispettando la tempistica prevista dalla legge per i pagamenti, costringe i titolari delle attività a chiedere prestiti agli istituti bancari”. A scriverlo è il consigliere regionale Aida Romagnuolo. “La situazione è grave, direi gravissima, per cui bisogna immediatamente porre rimedio, dal momento che gli ammalati non possono far fronte con il proprio reddito, a tutte le spese richieste”. E’ quanto dichiarato da Aida Romagnuolo di Prima il Molise. Ancora una volta, ha continuato Romagnuolo, al centro di diatribe che potrebbero essere evitate, c’è sempre l’Asrem. Ovviamente, ha proseguito Romagnuolo, tra l’Asrem e le ditte fornitrici di beni agli ammalati molisani, mi schiero totalmente con le ditte, considerato che molte di queste, come dicevo, sono in gravissime situazioni economiche, perchè forniscono articoli ortopedici, alimenti senza glutine ed altri presidi sanitari e, come sovente capita, sistematicamente, l’Asrem non onora i suoi impegni. Per questa incresciosa situazione, ha concluso Romagnuolo, ho ritenuto presentare in Consiglio regionale una mia mozione, perché le ditte non ricevono il quanto dovuto dall’Asrem da circa 8 mesi e ho chiesto, al Presidente della Giunta, ad impegnarsi con l’Asrem, affinché proceda all’immediato pagamento del debito dovuto e garantisca, per il futuro, il flusso costante di pagamento delle suddette prestazioni.

Di admin

Potrebbe Interessarti

#vengoconquestamiaadirvi – Asrem o Asrem

di Franco Di Biase Un caro saluto, questo “racconto” lo dovrei proprio iniziare con “in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *