Home / Politica / RINO MORELLI, CONFINDUSTRIA: “Ancora un provvedimento regionale che penalizza gli albergatori! Ora basta!”

RINO MORELLI, CONFINDUSTRIA: “Ancora un provvedimento regionale che penalizza gli albergatori! Ora basta!”

“Dagli organi di informazione regionale apprendo che il consiglio regionale ha approvato la proposta di legge n. 20 attraverso la quale si aumenta il numero di posti letto per Bed&Breakfast nei piccoli comuni”. Lo scrive il rappresentante di Assindustria Molise, Rino Morelli.
“Si tratta – afferma Rino Morelli – dell’ennesimo provvedimento a favore della microricettività che penalizza, lo ribadisco, noi albergatori. Qualcuno dovrebbe spiegarmi perché questo governo regionale ritiene opportuno continuare a incentivare il segmento dei B&b, degli alberghi diffusi, del turismo rurale e degli agriturismi, danneggiando quello degli alberghi.
A mio avviso, l’aumento dell’offerta turistica su un territorio fa bene a tutti gli operatori del settore – la concorrenza stimola l’economia! – ma l’incentivo pubblico ad hoc o una legislazione che favorisce uno solo di queste tipologie distorce il libero mercato degli operatori turistici impegnati, ciascuno con risorse proprie, in uno dei segmenti suddetti.
Perchè, in un paese sotto i 5mila abitanti, si favorisce la creazione di posti letto nei B&B presenti in loco e non si pensa di far qualcosa per la struttura alberghiera che opera nello stesso paese o in alcuni casi è in difficoltà? Non è un esempio teorico, questa è realtà!
In molti piccoli Comuni esistono strutture alberghiere di tutto rispetto che devono subire la concorrenza di queste strutture alternative, che peraltro, per definizione non sviluppano occupazione!
In occasione di feste o ricorrenze, come è stato giustamente evidenziato da Di Lucente, quando uno di questi piccoli paesi si riempie di visitatori, c’è bisogno di offrire posti letto e ospitalità per rispondere ad un’esigenza reale. Ma, da qui a scegliere di aumentare con una legge i posti letto in una struttura dedicata alla microricettività, senza nulla fare nello stesso tempo per strutture diverse, ma ugualmente presenti in loco, c’è una bella differenza! O si agevola tutti, ossia si creano i presupposti di sviluppo per il settore turistico, oppure non si creano vantaggi solo per alcuni. La politica, lo ripeto, dovrebbe intervenire sulle potenzialità turistiche del territorio rendendolo visibile e riconoscibile all’esterno, lavorando per destagionalizzare i flussi turistici e incentivarli rendendo il contesto “Molise” attrattivo, almeno come le regioni limitrofe.
Mi aspetterei, quindi, interventi legislativi di più alto calibro e di più ampia portata, affinché il turismo possa diventare un vero driver di sviluppo anche qui da noi”.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Lavoratori ex Ittierre, Toma: Siamo in grado di assicurare cinque mesi di mobilità

«Abbiamo una buona notizia per i lavoratori dell’Area di crisi complessa, quelli della ex Ittierre, …

2 commenti

  1. A mio giudizio , oltre le giuste rimostranze per il “doppiopesismo” delle agevolazioni credo che ci vorrebbe la creazione di un brand Molise in cui si ritrovassero tutte le strutture alberghiere della regione e che fossero tutti disposti a “fare rete ” come succede ad es in Baviera o in Emilia Romagna cioè se una struttura è al completo non si dice più solo – no , completo – ma si indica una struttura vicina con caratteristiche simili e la struttura ricevente si impegna a fornire un pacchetto allo stesso prezzo ,questo non per fare cartello ma perché è meglio eventualmente perdere qualche spicciolo piuttosto che allontanare la clientela e farla dirigere verso altri segmenti di accoglienza. Cioè chi è discriminato da una parte ,ci mette una pezza a colori….

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *