Red Bull stacca la spina su Colton Herta come Alpine Test annullato: PlanetF1

Secondo i media tedeschi, il passaggio di Colton Herta alla F1 con AlphaTauri non sarà anticipato…

La spinta della Red Bull per ingaggiare Colton Herta in sostituzione di Pierre Gasly all’AlphaTauri nel 2023 non sarebbe troppo avanti, Secondo la rivista tedesca Motorsport-Magazin.

L’ostacolo principale alla mossa era che Herta non si qualificava per una supremazia dalla FIA, con l’organo di governo che non faceva eccezioni per consentire al vincitore della gara IndyCar di cambiare major.

Come risultato di questo atteggiamento incrollabile da parte dell’organo di governo, la Red Bull non andrà avanti nella sua spinta per portare l’Herta in F1.

Le trattative sono emerse durante il fine settimana del Gran Premio d’Olanda, con Christian Horner che ha rivelato che la Red Bull sarebbe stata disposta a licenziare Pierre Gasly nelle Alpi per sostituire Fernando Alonso, a condizione che altri “trottoli” agissero per dare loro un'”emozionante opportunità”.

Helmut Marko, parlando a SpeedCity Broadcasting, ha rivelato con sicurezza che Herta era un obiettivo per AlphaTauri: a Monza sarà annunciato un cambio di serie per il pilota americano, così come il trasferimento di Gasly sulle Alpi, a condizione che la FIA conceda un’esenzione a Herta.

Per qualificarsi alla supremazia, licenza richiesta per correre in Formula 1, i piloti devono aver accumulato 40 punti peso durante le gare delle altre categorie. Nonostante la sua fama in IndyCar, un campionato non FIA, il peso ridotto dato alla IndyCar (inferiore a quello della Formula 2) significa che Herta non ha i 40 punti richiesti.

Ciò ha portato a molto dibattito durante il fine settimana del Gran Premio d’Italia, con alcuni capi squadra che hanno sostenuto che la FIA non dovrebbe concedere terreno alla Red Bull e cambiare le regole, mentre altri hanno sostenuto che un po’ di buon senso dei piloti dovrebbe essere usato vicino la parte superiore della catena. Famoso come IndyCar.

READ  Milan e AS Roma vietano i giornali sportivi italiani in una recente tempesta razzista

Con il fine settimana che si avvicina e continua senza alcun annuncio, ora è chiaro che la Red Bull non è stata in grado di procedere con la sua pubblicità e che probabilmente tutti i suoi piani non avranno successo.

“L’intero sistema è sbagliato”, ha affermato il dottor Helmut Marko, Team Principal della Red Bull Motorsport.

Le Alpi si preparano al test dell’Hungaroring, ma chi guiderà?

Alpine è pronta a fare un test all’Hungaroring la prossima settimana, con diversi nomi importanti citati come possibilità di prendere la ruota A521 l’anno scorso.

Herta sembrava pronta per unirsi al test, ma con la Red Bull apparentemente fuori, ora è improbabile che lo farà. Jack Doohan di Alpine è il probabile candidato, così come Nick de Vries di Monza del Team Monza. È improbabile che appaiano candidati al posto di gara del 2023 come Mick Schumacher e Nico Hulkenberg.

Quali sono le prospettive per Alpine e Red Bull?

La decisione della FIA di non concedere terreno alla Red Bull significa che la stagione ridicola per il pilota sta di fatto diventando meno ridicola.

Pierre Gasly, che ha già firmato il suo contratto di 23 anni con la Red Bull per continuare a lavorare con AlphaTauri, con qualsiasi opportunità di trasferirsi altrove che richieda l’approvazione sia della Red Bull che di una terza parte, ora sembra essere bloccato sul posto, a meno che Red Bull decide davvero che è necessario un cambiamento e quindi il rilascio di Gasly.

Le Alpi sono ancora senza un pilota per sostituire Alonso, con i piani di Gasly incapaci di andare avanti senza la collaborazione della Red Bull.

READ  IDEC Sport pone fine alla prolungata siccità a Monza - Sportcar 365

L’argomento principale che solleva l’intero scenario sono i severi requisiti di superiorità della FIA. L’attuale sistema è stato introdotto nel 2016, ironia della sorte, la Red Bull ha promosso il giovanissimo e inesperto Max Verstappen in Formula 1.

In un anno in cui la FIA ha imposto regole molto più rigorose rispetto alle stagioni precedenti, in risposta all’evidenziazione delle operazioni del consiglio di amministrazione nelle ricadute del Gran Premio di Abu Dhabi 2021, non sorprende che il presidente Mohammed bin Sulayem lo abbia fatto. testardo in questa materia.

Con Herta che ha anche un pilota proveniente dall’esterno della classifica della categoria FIA Motorsports, come protagonista nelle competizioni della serie F1, i vantaggi di avere un pilota americano competente in questo sport sembrano essere superati dagli svantaggi di una configurazione precedente che regola la supremazia deve essere flessa, anche se è chiaro che questo pilota è abbastanza abile.

Anche se potrebbe non essere giusto nei confronti dell’Hertha, in quanto sfortunata vittima di questa rigida burocrazia, la FIA deve essere vista come la guida autocratica dello sport e, in questo senso, ci è riuscita. Ora è il momento di apportare le modifiche necessarie per rendersi conto dell’importanza di una serie come IndyCar per il motorsport globale…

LEGGI DI PIÙ: Fernando Alonso voleva un accordo più lungo in Alpine, ma “non aveva senso”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.