Questo sacerdote aborigeno guiderà Papa Francesco nella sua visita in Canada questo mese

Quando i funzionari vaticani stavano cercando qualcuno in Canada che fungesse da collegamento per pianificare il programma durante la visita del Papa a fine mese, avevano criteri specifici.

Idealmente, la persona avrà un’eredità autoctona, avrà un’affinità con il sistema scolastico residenziale e parlerà italiano.

Questo li ha lasciati con un nome: Christino Buffett.

Il prete cattolico romano di Calgary, 36 anni, è italiano tramite sua madre e Cree e Metis tramite suo padre. Sua nonna, o nonna, era una sopravvissuta al collegio.

“Entrambi questi mondi si sono uniti”, ha detto Buffett in un’intervista a Edmonton.

“Questo nuovo ruolo è qualcosa che penso sia particolarmente adatto a me. Se nella provvidenza di Dio ha preparato le cose per me di cui farne parte in questo modo, sono onorato di farlo”.

Buffett è stato scelto come Direttore liturgico nazionale per la prima visita in Canada di Papa Francesco. Il tema del viaggio è “Camminare insieme” e dal 24 al 29 luglio il Papa incontrerà gruppi indigeni e sopravvissuti alle scuole residenziali nelle tappe di Edmonton, Quebec City e Iqaluit e dintorni.

Bouvette si trova fuori dalla Scared Heart Church a Edmonton. La chiesa sarà uno dei luoghi che Papa Francesco visiterà durante il suo viaggio in Alberta. (Jason Franson/The Canadian Press)

La posizione richiede che Bouvette collabori con gli organizzatori locali e l’ufficio liturgico del Vaticano per garantire che tutte le cerimonie tenute durante la visita riflettano la terra in cui risiedono e la Chiesa cattolica.

Bouvette è stato contattato all’inizio di quest’anno quando sono iniziati i colloqui sulla visita di Papa Francesco in Canada.

“Ho capito subito che non volevo farlo”, ricorda. “È così travolgente. Ero sicuro che sarebbe stato davvero complicato. Avevo solo paura di fare qualcosa di sbagliato o di sbagliare”.

Ha detto che essere un prete aborigeno comporta un certo livello di pressione. È un ruolo che accetta felicemente ma lo riempie di terrore mentre pensa di promuovere la guarigione e la riconciliazione tra il suo popolo e la chiesa che gli ha fatto del male.

Si stima che circa 150.000 bambini indigeni siano stati costretti a frequentare i collegi in un secolo e la Chiesa cattolica romana gestiva circa il 60% delle scuole.

“Quando sento che troppe persone fanno affidamento su di me per dire o fare la cosa giusta al momento giusto, questo è il pesante fardello”.

Ha detto che le idee di Kokume mi vengono in mente.

Quando Amelia May Buffett aveva sette anni, fu costretta a lasciare la sua famiglia a Saddle Lake Cree Nation, nell’Alberta centro-orientale, per frequentare la Edmonton Residential School, gestita dalla United Church.

Nonostante ciò, mantenne un profondo attaccamento alla sua fede cristiana. È cresciuta come membro della United Church ei suoi familiari sono stati ordinati sacerdoti.

Decenni dopo, quando arrivò il momento per Cristino Buffett di dire a sua nonna che aveva deciso di diventare prete, lei gli disse di aver incontrato nella sua vita suore e preti buoni e sperava che sarebbe stato uno di loro.

È morta nel 2019, un mese prima del suo centesimo compleanno.

Quando Buffett pensa a ciò che Kokume avrà da dire sul suo ruolo nella visita del papa canadese, non sono queste le parole che mi vengono in mente.

“Posso vedere il suo sguardo e sentire la sua mano nella mia”, ha detto. “Sarà un santuario per me sapere che qualunque cosa sia successo e qualunque cosa ho fatto o come l’ho fatto, mi sosterrebbe. Questo porta molto conforto”.

Il Papa dovrebbe elaborare le scuse per il ruolo della Chiesa nei collegi, che ha fatto ai delegati indigeni all’inizio di quest’anno in Vaticano.

Un uomo con gli occhiali si trova davanti agli alberi.
Bouvette è stato contattato all’inizio di quest’anno quando sono iniziati i colloqui sulla visita di Papa Francesco in Canada. (Jason Franson/The Canadian Press)

Buffett ha affermato che gli ultimi mesi sono stati un turbine di incontri.

È stato in contatto con i rappresentanti indigeni di ciascuna regione che il Papa dovrebbe visitare per ascoltare ciò che sperano di vedere dal programma. Anche funzionari del Vaticano hanno marciato verso i siti previsti.

“È surreale poter spiegare, in italiano, ad alcuni monaci cos’è una diffamazione o perché è importante pregare nelle quattro direzioni”, ha detto. “Tutte queste cose si fondono in una cosa.”

I dettagli su come saranno i festeggiamenti sono nascosti, ma Buffett ha affermato che era importante sviluppare un programma in cui Papa Francesco potesse impegnarsi in modo significativo onorando le tradizioni e i costumi indigeni.

“Spero che le persone che cercano qualcosa da questo ottengano ciò di cui hanno bisogno, e se ci sono persone che non pensano di aver bisogno di questo o non lo vogliono davvero, almeno non causa loro alcun inconveniente o alcuno danno.”

READ  Tonga "Aquaman" dice di essere sopravvissuto allo tsunami che ha spazzato l'oceano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.