Qual è il vaccino contro il vaiolo delle scimmie e chi dovrebbe farlo?

Poiché il numero di casi confermati di vaiolo delle scimmie in Canada continua ad aumentare, gli esperti di malattie infettive e di salute pubblica sono in aumento Fornire vaccinazioni a chi è a rischio da infezione.

Poiché il vaiolo delle scimmie e il vaiolo fanno parte della famiglia degli orthopoxvirus, gli esperti affermano che alcuni vaccini funzioneranno contro entrambi.

Ma l’Organizzazione Mondiale della Sanità afferma che i vaccini contro il vaiolo delle scimmie raccomandati oggi differiscono da quelli utilizzati negli sforzi globali del secolo scorso per eradicare il vaiolo.

“Alcuni paesi hanno mantenuto forniture strategiche di vaccini contro il vaiolo più vecchi del Programma di eradicazione del vaiolo (SEP) terminato nel 1980”, afferma la dichiarazione. Guida dell’OMS sulla vaccinazione temporanea contro il vaiolo delle scimmie Pubblicato martedì.

“I vaccini di prima generazione trattenuti nelle riserve nazionali di vaiolo delle scimmie non sono attualmente raccomandati, poiché non soddisfano gli attuali standard di sicurezza e produzione”.

Il vaiolo delle scimmie provoca sintomi simil-influenzali e lesioni cutanee e si diffonde attraverso uno stretto contatto.

Guarda | L’Organizzazione Mondiale della Sanità richiede ai paesi di raccogliere dati sui vaccini contro il vaiolo usati contro il vaiolo delle scimmie:

L’OMS chiede nuovi studi sull’efficacia dei vaccini contro il vaiolo delle scimmie

L’Organizzazione Mondiale della Sanità chiede ai paesi che utilizzano il vaccino contro il vaiolo delle scimmie di raccogliere nuovi dati clinici sulla sua efficacia, perché molto di ciò che si sa sul vaccino è obsoleto o derivato da studi sugli animali.

La maggior parte dei dati sull’uso dei vaccini contro il vaiolo delle scimmie sono obsoleti o provengono da studi sugli animali piuttosto che da studi clinici sull’uomo, ha affermato la dott.ssa Rosamund Lewis, capo tecnico dell’OMS per il controllo del vaiolo delle scimmie, in un briefing di martedì.

READ  Alyssa Farrah Griffin e Anna Navarro sono state scelte come ospiti permanenti di The View

Lewis ha invitato i paesi che immunizzano le persone contro il vaiolo delle scimmie a monitorare e condividere i loro risultati in modo che possano saperne di più sull’efficacia dei vaccini.

Sia l’Organizzazione Mondiale della Sanità che il Canada Comitato consultivo nazionale per le vaccinazioni La NACI ha ora pubblicato linee guida su quale vaccino usare contro il vaiolo delle scimmie e chi potrebbe trarne beneficio.

Quale vaccino contro il vaiolo delle scimmie è disponibile in Canada?

Il vaccino approvato per il vaiolo delle scimmie in Canada è MVA-BN, o il vaccino modificato Ankara-Nord Baviera. Il suo produttore è l’azienda bavarese nordica, con sede in Danimarca.

In Canada, il vaccino porta il nome commerciale Imvamune. (Si chiama Imvanex nell’UE e Jynneos negli Stati Uniti)

Imvamune è stato originariamente autorizzato in Canada per “uso straordinario” contro il vaiolo nel novembre 2013, come parte del piano di emergenza del governo federale per immunizzare le persone se la malattia mortale riemerge. Nel 2020, il Canada ha ampliato la licenza del vaccino per includere l’immunizzazione contro il vaiolo delle scimmie, secondo i documenti NACI.

Un dipendente della North Bavarian Vaccine Company lavora in uno dei suoi laboratori vicino a Monaco, in Germania, il 24 maggio. Il vaccino Imvamune dell’azienda è stato approvato in Canada per l’immunizzazione contro il vaiolo delle scimmie. (Lucas Barth/Reuters)

Le vaccinazioni di routine contro il vaiolo sono cessate in Canada all’inizio degli anni ’70. Ma poiché i virus sono correlati tra loro, i vaccini contro il vaiolo potrebbero aver fornito un certo grado di immunità anche contro il vaiolo delle scimmie, affermano gli esperti.

“È possibile che la campagna di vaccinazione di massa contro il vaiolo, come sapete, sia effettivamente riuscita a controllare il vaiolo delle scimmie per molti anni”, ha affermato il dottor Isaac Bogosh, specialista in malattie infettive al Toronto General Hospital.

Ma la maggior parte delle persone sotto i 50 anni in Canada non ha questa protezione – e questo potrebbe essere uno dei motivi per cui ora stiamo assistendo al vaiolo delle scimmie, ha detto.

In che modo Imvamune è diverso dal vecchio vaccino contro il vaiolo?

Imvamune contiene un ceppo indebolito del virus vaccinia, che provoca una risposta immunitaria per combattere il vaiolo e il vaiolo delle scimmie.

A differenza del vaccino contro il vaiolo originale, questo virus indebolito non è riproducibile, il che significa che non può copiarsi.

I vaccini di prima generazione basati sulla ripetizione di ceppi vaccinali hanno portato a spiacevoli effetti collaterali per alcuni e potrebbero essere problematici per le persone immunocompromesse, ha affermato il dottor Zane Shagla, specialista in malattie infettive presso la McMaster University di Hamilton.

Inoltre, le generazioni precedenti del vaccino contro il vaiolo vengono somministrate in modo diverso. Invece di una normale siringa, l’operatore sanitario utilizza un “ago biforcuto” con due punte e Punzecchiare frequentemente la pelle per ottenere la dose.

Chi dovrebbe prendere in considerazione la vaccinazione contro il vaiolo delle scimmie?

Per ora, dicono gli specialisti in malattie infettive, il vaiolo delle scimmie non colpisce la maggior parte della popolazione canadese in generale, anche se chiunque può contrarre il virus se entra in stretto contatto fisico con una persona infetta.

Dicono che la comunità LGBTQ, in particolare gli uomini che hanno rapporti sessuali con uomini, sono sproporzionatamente a rischio di infezione in questo focolaio. Possono essere a rischio anche gli operatori sanitari o gli operatori di laboratorio che lavorano direttamente con gli orthopoxvirus.

Di conseguenza, gli esperti affermano che i vaccini contro il vaiolo delle scimmie dovrebbero essere offerti per precauzione alle popolazioni a rischio. Il vaccino può essere offerto anche a coloro che sono già stati esposti a qualcuno con il vaiolo delle scimmie, noto come profilassi post-esposizione.

In ogni caso, dicono, la consapevolezza dell’immunizzazione contro il vaiolo delle scimmie dovrebbe essere presa di mira.

“Questo non è un vaccino diffuso per tutti; è un vaccino basato sul rischio”, ha detto Shagla.

Bogoch acconsentì.

“Non credo che siamo vicini all’inizio, sai, di campagne di vaccinazione per il pubblico in generale”, ha detto.

“In questo momento, questa dovrebbe essere una campagna di vaccinazione molto mirata diretta alle persone che sono state esposte all’infezione e alle persone più a rischio di contrarre questa infezione”.

Quante dosi?

L’Organizzazione Mondiale della Sanità e la NACI raccomandano entrambe due dosi di Imvamune, a 28 giorni di distanza.

Una possibile eccezione, secondo le linee guida NACI, è una persona che ha ricevuto in passato una vaccinazione contro il vaiolo. In questo caso, può essere somministrata solo una singola dose per funzionare come booster.

Ci sono potenziali allergeni nel vaccino?

sì. La NACI afferma che Imvamune contiene i seguenti ingredienti:

  • Tracce di DNA cellulare residuo (uovo) e proteine.

  • Trometamina (Trometamolo, Tris).

  • benzoni;

  • Gentamicina e ciprofloxacina.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.