Perché preoccuparsi dell’energia? La tribù italiana vive pacificamente fuori dalla rete

Mentre tutti si preoccupano del consumo energetico, in un universo parallelo, Fabrizio Cardinale, 72 anni, non desidera le luci della città.

Non ha infatti bisogno di elettricità e da più di mezzo secolo vive fuori dalla rete.

Ciò lo rende uno dei pochi in Europa a non preoccuparsi dell’aumento dei costi energetici di questo inverno.

Cardinale, la cui lunga barba bianca lo faceva sembrare Karl Marx, il poeta Walt Whitman o un magro Babbo Natale, vive in una casa colonica in pietra sulle colline della regione vinicola del Verdicchio vicino ad Ancona, sulla costa adriatica orientale italiana.

Per sua scelta, non ha elettricità, gas e impianto idraulico interno.

Disse mentre si sedeva in cucina e indossava i pantaloncini corretti.

“Rinunciare a qualcosa non è masochismo”, ha detto, “Si rinuncia a qualcosa per ottenere qualcos’altro, più importante”.

In passato viveva completamente solo.

Attualmente ha due coinquilini, un gallo, tre galline e un gatto in una comunità che chiama “Harmony Nut Tribe”.

Ai visitatori che cercano Cardinale e i suoi amici viene detto dalla gente del posto nella città più vicina di prendere la stretta strada sterrata che inizia accanto a una quercia che sventola una bandiera della pace multicolore.

Cardinale ei suoi coinquilini, che danno i loro nomi solo come Agnese e Andrea, fanno affidamento su una stufa a legna per cucinare e riscaldarsi e leggono da lampade alimentate da olio da cucina usato donato dai vicini.

“Sono orgoglioso di avere la libertà di scegliere la mia libertà”, ha detto Agnesi, 35 anni, che si è trasferita due anni fa. Andrea, 46 anni, trascorre lì la settimana ma torna a casa a Macerata, a circa 50 chilometri (31 miglia) di distanza, ogni fine settimana per prendersi cura della madre.

READ  Bellissima! Scopri qui la migliore moda made in Italy

La “noce armoniosa” coltiva frutta e verdura, olive per la produzione di olio d’oliva e apicoltura per il miele. Una cooperativa locale vende loro sacchi di legumi, cereali e grano, che macinano per fare il proprio pane.


Fabrizio Cardinale, 72 anni, ispeziona il pollaio nella sua casa nei boschi della cittadina di Cupramontana, Ancona, Marche, Italia, 15 novembre 2022. (Foto Reuters)
Fabrizio Cardinale, 72 anni, ispeziona il pollaio nella sua casa nei boschi della cittadina di Cupramontana, Ancona, Marche, Italia, 15 novembre 2022. (Foto Reuters)

Quando possibile, scambierebbero qualsiasi eccedenza di produzione con tutto ciò di cui avevano bisogno.

Sebbene alcune persone lo abbiano chiamato “l’eremita di Cobramontana”, Cardinale dice che non è un eremita.

Invece, crede che il modo migliore per vivere in piccole comunità sia vivere la vita.

Il suo primo consiglio a chiunque sia tentato di seguire il suo esempio è: “Abbandona il cosiddetto smartphone”.

Cardinale a volte percorreva brevi distanze per visitare gli amici, portava le olive a un frantoio in pietra per fare l’olio e camminava o faceva un’escursione fino alla città più vicina per prendere un caffè con la gente del posto o vedere un medico.

“Vivo così da circa 51 anni e non me ne sono mai pentito. Certo, ci sono state difficoltà, ma non mi ha mai fatto pensare di aver preso la decisione sbagliata o di aver buttato via tutto”, ha detto. “ovviamente no.”

Il bollettino quotidiano del Sabah

Rimani aggiornato su ciò che sta accadendo in Turchia, nella sua regione e nel mondo.

È possibile disdire in qualsiasi momento. Registrandoti, accetti i nostri Termini di utilizzo e Informativa sulla privacy. Questo sito è protetto da reCAPTCHA e si applicano la Privacy Policy e i Termini di servizio di Google.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *