Home / Territorio / Patriciello: Statale 85 Venafrana, strada da allargare

Patriciello: Statale 85 Venafrana, strada da allargare

L’allargamento della SS 85 Venafrana aumenterebbe la sicurezza dei tantissimi automobilisti che ogni giorno la percorrono, oltre a regolarizzare il traffico di un’arteria stradale strategica per i collegamenti tra Abruzzo, Molise e Campania”. Lo ha detto Aldo Patriciello, eurodeputato e membro del Gruppo Ppe al Parlamento Europeo, intervenendo sulla necessità di ampliare la strada statale 85 Venafrana, ed in particolare il tratto che congiunge i Comuni di Vairano Patenora e Sesto Campano.
“Stiamo parlando – spiega l’europarlamentare azzurro – di un tratto stradale di grande importanza strategica: il principale punto di accesso per tutti coloro che, venendo da sud, vogliono raggiungere le stazioni sciistiche del Matese, dell’Abruzzo o le aree costiere adriatiche. Una strada che è interessata da anni da fenomeni di dissesto idrogeologico. Con la conseguenza che il tratto in questione è congestionato spesso dal traffico, diventando difficilmente percorribile e, soprattutto, meno sicuro.
È una situazione – aggiunge Patriciello – che va avanti da tanto, troppo tempo e che mortifica un’area geografica già ampiamente penalizzata dall’assenza di autostrade, aeroporti e linee ferroviarie ad alta velocità. Ho scritto al neo Ministro delle Infrastrutture e dei Trasporti, On.le Paola De Micheli – conclude -, per informarla della situazione e sollecitare, così, un suo tempestivo interessamento sulla vicenda, nella speranza che si possa aprire al più presto un tavolo di confronto tra Ministero e Regioni interessate, nel pieno rispetto dei ruoli e delle competenze, beninteso. Quello che è importante, in ultima istanza, è che ci sia la volontà di migliorare la situazione e, in sostanza, la qualità della vita dei cittadini”.

Di admin

Potrebbe Interessarti

“Museo Pistilli non chiude. Anche se manca il personale”

“Visti i diversi articoli e comunicati che da un paio di giorni circolano sugli organi …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *