Home / Politica / Notaro (Cisl): “Regione, sedi periferiche da non smobilitare”

Notaro (Cisl): “Regione, sedi periferiche da non smobilitare”

Nella sala gialla presso la sede della Provincia di Isernia l’Assemblea Sindacale organizzata dalla CISL FP Regione Molise per discutere della situazione del personale dipendente della Regione Molise alla luce delle due determinazioni riorganizzative e la riassegnazione del personale all’interno dei servizi autonomi della presidenza della giunta regionale e dei dipartimenti.
La questione oggetto di maggiore interesse è stata quella riguardante il trasferimento fisico degli uffici e delle attività ad essi connesse verso Campobasso con il relativo personale, con ciò arrecando danno alla collettività isernina che, ancora una volta, viene ad essere privata dei servizi di interesse generale.  
L’Assemblea, quindi, alla luce delle numerose problematiche emerse, ha deciso di conferire mandato al sindacato al fine di intervenire presso la Presidenza della Giunta regionale per favorire decisioni concordate che portino, nelle more, alla cessazione degli effetti dei provvedimenti dirigenziali assunti; ciò anche al fine di evitare che le lamentate illegittimità comportino gravi disagi all’utenza isernina.
Sin da ora, i dipendenti, confidando in una soluzione favorevole, chiedono misure risolutive urgenti, significando che, in difetto, dovranno tutelare le proprie posizioni nelle sedi opportune.
E’ di evidenza che questo sindacato, in assenza di concrete misure, provvederà anche alla tutela delle proprie prerogative sindacali.
Si rappresenta che, nel corso della assemblea, non sono mancate lamentele nei confronti di amministratori e politici locali ed in particolare di quelli regionali eletti nella provincia di Isernia che, sebbene al corrente dei provvedimenti penalizzanti in parola, nulla, ad oggi, hanno fatto.
Riguardo all’emendamento legislativo proposto in materia dal PD, riflettente la “ ..salvaguardia dei servizi essenziali sui territori e quindi del personale regionale ivi assegnato” sono emerse forti critiche in quanto tale modifica normativa penalizza maggiormente l’utenza isernina in quanto i pochi servizi rimasti nel capoluogo sono da ritenersi ormai tutti essenziali alla stregua  di quelli del capoluogo regionale.
Si resta, quindi, in attesa di sollecita convocazione da parte della Giunta regionale entro il termine massimo del giorno 16 maggio 2019.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Sanità molisana allo sfascio. Prima di sparare su Roma guardiamo in casa nostra

E’ la sanità, nel Molise, la vera, grande, malata. Affetta da una sorta di debolezza …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *