Home / Campobasso / Mercato coperto e scuola Notte, subito il concorso di idee per non vanificare 18 milioni di euro

Mercato coperto e scuola Notte, subito il concorso di idee per non vanificare 18 milioni di euro

Il governo torna a stanziare i fondi del cosiddetto bando per le periferie. A Campobasso giungono 18 milioni di euro. La vecchia amministrazione aveva pensato ad un recupero per 9 milioni di euro dell’edificio del mercato coperto di via Monforte, della scuola Notte a Sant’Antonio abate per ulteriori 2 milioni di euro e altri fondi per interventi riguardanti un percorso ciclo pedonale. I problemi, ora, sorgono sia per il cosiddetto recupero del mercato coperto di via Monforte che di quello per la scuola Notte. In nessuno dei casi, infatti, è stato compiuto uno studio geologico e sismico circa la situazione dei due edifici. E, oggi, si pone l’immediato problema di correggere quelle storture. Del resto, è possibile mettere sul piatto 9 milioni di euro per una ristrutturazione del mercato coperto che non avrebbe adeguata tenuta sismica? Non sarebbe il caso di applicare la normativa sui lavori pubblici con un concorso di idee immediato per l’abbattimento e il rifacimento di una nuova struttura? Lo stesso dicasi per la cosiddetta scuola Notte situata sotto la collina Monforte e per la quale spendere due milioni di euro per non avere un edificio a tenuta sismica, appare assurdo. Ma non sarebbe il caso, di pensare ad altra situazione? A Mascione, ad esempio, per abbattere e ricostruire la scuola antisismica è stato stanziato un milione di euro. Con i due milioni pronti non si potrebbe in zona Sant’Antonio abate dare dignità all’area con un progetto di riqualificazione urbanistica attraverso il nuovo edificio? Il comune di Campobasso deve rispondere, e presto per non vanificare 18 milioni di euro.

Di admin

Potrebbe Interessarti

La transumanza entra nel patrimonio dell’Umanità Unesco. Carmelina Colantuono: “E’ una soddisfazione immensa per la nostra famiglia Premiato il nostro impegno e quello di pastori, partner nazionali e stranieri”

“La soddisfazione è tanta, siamo tutti emozionati. Vediamo parte dei nostri sacrifici ripagati e, in …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *