Nave di beneficenza battente bandiera tedesca rifiuta di lasciare il porto italiano

MILANO (Reuters) – Una nave di beneficenza battente bandiera tedesca ha rifiutato di lasciare il porto siciliano di Catania domenica dopo che le autorità italiane hanno detto che non tutti i migranti che trasportava potevano sbarcare, ha detto l’Ong responsabile della nave.

“Il capitano della nave, Humanity 1, che è legalmente responsabile della sicurezza di tutte le persone a bordo, ha rifiutato la richiesta di lasciare il porto con a bordo i restanti 35 sopravvissuti”, ha affermato la Ong tedesca.

Domenica scorsa Roma ha detto che i minori e le persone che necessitano di cure mediche urgenti, in totale, 144 passeggeri su 179, possono sbarcare da Humanity 1, che è stato autorizzato ad attraccare a Catania.

Humanity 1 e altre due navi – che trasportano quasi 1.000 migranti – sono in mare al largo dell’Italia da più di una settimana in attesa del permesso di attraccare dal governo di destra del Paese che ha preso il potere il mese scorso.

Il ministro dell’Interno Matteo Bentidosi ha dichiarato venerdì che Humanity 1 e i passeggeri rimasti saranno espulsi dalle acque territoriali non appena quelli autorizzati allo sbarco saranno sbarcati.

I migranti aspettano di essere salvati dai membri dell’equipaggio della nave di salvataggio della ONG Ocean Viking nel Mediterraneo, 26 ottobre 2022. Camille Martin Joan/SOS Mediterranee/ Inserito via Reuters

L’Ong tedesca ha detto che 35 migranti sono stati lasciati sulla nave in cattive condizioni di salute ed erano fuggiti in “condizioni disumane” in Libia.

“Questo li priva del loro diritto alla libertà e del loro diritto di andare in spiaggia in un luogo sicuro”, ha detto in una e-mail Mirka Schaefer, responsabile per l’advocacy umanitaria di SOS.

Il funzionario dei media di Geo Barents ha detto a Reuters che una seconda nave di beneficenza aveva chiesto a Roma di fornire un porto sicuro per lo sbarco di 572 migranti, appena attraccati a Catania.

READ  Avvisi di tempesta invernale per le autostrade di montagna dopo che sezioni della metropolitana di Vancouver si sono svegliate con una nevicata improvvisa

Fonti governative hanno affermato domenica che il governo italiano ha decretato, come nel caso di Humanity 1, di consentire a Gio Barents di attraccare solo per sbarcare le persone che necessitano di assistenza di emergenza.

“Lo sbarco selettivo e parziale, come suggerito dalle autorità italiane, non è considerato legale ai sensi degli accordi di diritto marittimo”, ha affermato MSF International, che gestisce la nave Geo Barents.

Reportage di Francesca Landini; Montaggio di Barbara Lewis

I nostri criteri: Principi di fiducia di Thomson Reuters.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.