Miyamoto non era un fan dello stile artistico di Zelda: Wind Waker

Foto: Nintendo

Se non sei immediatamente venduto sullo stile artistico in The Legend of Zelda: Wind AwakeNon sentirti male. nuovoConosci i giochiTraduzione di Sogno Nintendo Una rivista della metà degli anni 2000 rivela come il creatore di Mario Shigeru Miyamoto non fosse un fan di Toon Link o del resto dell’estetica ombrosa e simile agli anime di Wind Waker.

Secondo il produttore della serie di Zelda Eiji Aonuma – che all’epoca era il director di Wind Waker – Miyamoto ha lottato per allontanarsi dall’idea di uno stile artistico realistico, fino alla fine del ciclo di sviluppo del gioco. E quando ha visto per la prima volta Link nel film di Wind Waker, sembrava “oscillare”, affermando che non avrebbe venduto.

Ecco il lato della storia di Onuma: rivela come il team ha dovuto nascondere tutto a Miyamoto per iniziare il progetto:

Onuma: “Se fossi andato a parlargli dall’inizio, penso che avrebbe detto ‘Come sta Zelda? “…Miyamoto ha avuto difficoltà a lasciare andare lo stile Realistic Link Art fino alla fine.

“A un certo punto lo è [Miyamoto] Ha dovuto fare una presentazione contro la sua volontà. Fu allora che disse qualcosa [to me] Come “Sai, non è mai troppo tardi per cambiare rotta e creare uno Zelda realistico”.

Miyamoto non era molto contento del risultato, ma non aveva altra scelta che accettare questo nuovo look a causa dei limiti di tempo e del fatto che il team avrebbe dovuto impiegare “10 anni” per rendere realistico un gioco di Zelda.

La “prossima generazione” più realistica della serie si è conclusa nella vita del GameCube principessa del crepuscolo, che è stato rilasciato anche su Wii come titolo di lancio. Prima di questo gioco e di Wind Waker, i primi ricordi di Zelda sul GameCube possono essere ricollegati al popolare gioco. Mostra la tecnologia spaziale dall’anno 2000.

READ  Sabre Interactive, specializzata in porting su Switch, sta per svelare diversi nuovi titoli

Notato anche nello stesso video (sotto), come il piano iniziale di Nintendo per la serie The Legend of Zelda sul GameCube fosse semplicemente quello di migliorare la grafica in ocarina del tempo E il Maschera Majora – Risultato in un prototipo (con lo stesso stile visivo di questi giochi).

Alla fine è nato Toon Link, e sebbene Miyamoto non ne fosse un fan all’inizio, al resto del team è piaciuto il nuovo look, che ha tratto ispirazione dall’anime “Watch It As Kids”, e in particolare dal film del 1971. isola del tesoro degli animali.

Cosa ne pensi dello stile artistico di Wind Waker? Sei un suo fan? Raccontaci di seguito.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.