Migliaia di persone si riuniscono nel centro di Vancouver per mostrare il loro sostegno alle proteste iraniane

Migliaia di persone si sono radunate sui gradini della Vancouver Art Gallery domenica e poi hanno marciato in centro, chiedendo all’Iran di porre fine alle leggi che impongono alle donne di indossare il velo in pubblico e di abolire l’uso della pena di morte nel Paese.

è il Seconda protesta questa settimana A Metro Vancouver dopo la morte di Mahsa Amini, 22 anni.

La donna iraniana è morta la scorsa settimana dopo essere stata arrestata dalla polizia morale iraniana per “abbigliamento inappropriato” dopo aver indossato l’hijab in modo inappropriato.

La sua morte ha acceso una rinnovata rabbia per le restrizioni alle libertà personali in Iran, tra cui un rigido codice di abbigliamento per le donne e un’economia che vacilla per le sanzioni del governo.

Le proteste per la morte di Amini si sono estese ad almeno 46 città, paesi e villaggi in Iran. Ci sono state anche condanne dai paesi occidentali e dalle Nazioni Unite, così come proteste di solidarietà all’estero.

Le proteste di domenica sono scoppiate a Londra, dove sono scoppiate le violenze. In Canada, a Ottawa si è tenuta una protesta simile alla manifestazione di Vancouver.

Tammy Sadeghi è stato uno degli organizzatori della manifestazione di domenica a Vancouver.

“Siamo qui per sostenere il movimento iraniano in Iran, soprattutto da quando le donne sono scese in strada perché sono stanche di questo regime negli ultimi 42 anni”, ha detto Sadeghi.

Combattevano giorno e notte per respingere il regime islamico”.

Tammy Sadeghi è stato uno degli organizzatori di una manifestazione a Vancouver per sostenere le proteste in Iran dopo la morte di Mahsa Amini. (Janella Hamilton/CBC News)

Molti dei manifestanti hanno affermato di voler porre fine alle leggi che richiedono alle donne di indossare il velo. Vogliono anche la fine della pena di morte in Iran e il rilascio dei prigionieri politici, tutti esempi della brutalità del regime.

La polizia iraniana ha negato di aver maltrattato Amini e di aver affermato che è morta per un infarto. Le autorità del Paese affermano che stanno indagando.

Le proteste in Iran hanno portato all’uccisione di manifestanti e della polizia e all’arresto di manifestanti.

Dopo essersi radunati alla Vancouver Art Gallery, i manifestanti hanno marciato contro il regime iraniano nel centro della città. (Isabel Rajem/CBC News)

Honeh Barzgari ha detto di aver partecipato alla manifestazione a Vancouver per parlare pubblicamente dei diritti umani in Iran. Ha detto di essere rimasta colpita da quanto fosse diversificata la folla.

“Dobbiamo rimanere uniti, non solo il popolo iraniano”, ha detto. “Vogliamo che il mondo sia con noi. Tienici per mano, toccaci le spalle, fai sentire la nostra voce”.

Le vite umane contano, le vite iraniane contano. La vita delle donne iraniane è importante. Tutti contiamo”.

Honea Barzgari ha partecipato alla manifestazione iraniana a Vancouver domenica 25 settembre 2022. (Janella Hamilton/CBC News)

READ  Il Sudafrica riceve più pioggia mentre le vittime delle inondazioni cercano rifugio

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.