Home / Politica / Micone: Sul bilancio, un consiglio propositivo

Micone: Sul bilancio, un consiglio propositivo

In occasione della conclusione dell’iter che ha portato all’approvazione della Manovra di bilancio della
Regione Molise, il Presidente del Consiglio reginale, Salvatore Micone, ha dichiarato:
“7 sedute consecutive, protratte anche nella notte, 3 leggi e il DEFR approvati, 14 atti di indirizzo votati,
oltre 100 emendamenti discussi e alcuni dei quali approvati anche all’unanimità. Questo è stato il lungo e
complesso percorso che ha portato il Consiglio regionale a discutere e confrontarsi prima di varare la
Manovra di Bilancio 2019. La lunghezza del confronto, che alcuni hanno definito inedita, testimonia la
volontà della Giunta, della maggioranza e delle minoranze di avere un giusto e opportuno
approfondimento su ciascun articolo, su ciascun emendamento e su ogni posta di bilancio. La decisione di
votare con la legge di stabilità vari ordini del giorno ed emendamenti all’unanimità, e di ripetere e
ampliare l’esperienza bilancio pluriennale, arrivando a produrre un maxiemendamento che ha incluso le
proposte emendative di maggioranza e minoranze (tutte poi coerentemente ritirate), ha reso
plasticamente visibile che sui temi importanti e di massimo interesse per il Molise, la politica sa trovare
sintesi e unità di intenti. Il tutto all’interno di un virtuoso percorso di mediazione e di collaborazione tesa
alla ricerca di ciò che accomuna, rispetto a ciò che divide. La Manovra di bilancio sostiene
economicamente e finanziariamente ogni azione legislativa e amministrativa della Regione. Definisce e
struttura la vision politica e amministrativa del Governo e dell’Assemblea regionale. Non poteva e non
doveva essere conclusa in poche ore. I cittadini e i portatori di interesse hanno potuto constatare nella
diretta tramite il sito internet del Consiglio, e tramite i tanti servizi degli organi di informazione, un
approfondimento franco, a volte aspro, su ogni punto saliente e non della Manovra. Si è discusso del
futuro del Molise, tale discussione meritava e merita rispetto perché sostanzia la democrazia. Tutti,
Giunta, Consiglieri di maggioranza e di minoranze, Gruppi consiliari, e prima ancora i componenti della I
Commissione che ha esaminato preliminarmente la Manovra nonchè le associazioni e le strutture regionali
e non audite dalla stessa Commissione, hanno potuto esprimere la propria opinione, dando così il proprio
contributo a questa Manovra. Un esercizio di democrazia, quello che si è svolto in questi giorni, che tutto
il Consiglio regionale rivendica come uno dei più alti momenti istituzionali vissuti a servizio dei molisani.
Ringrazio quindi tutti i protagonisti istituzionali di questo percorso, chi lo ha assistito- il personale del
Consiglio e della Giunta- e tutti gli organi di informazione per aver riportato nelle case dei molisani questo
momento di democrazia e di alta programmazione”.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Toma: Infrastrutture, buone nuove per la viabilità

«Il confronto avuto con la ministra De Micheli mi è sembrato, nel suo complesso, abbastanza …

Un Commento

  1. Ma per le molte vertenze apertenell’ambito del lavoro,mi sembra che non ci sia molto , come anche per le politiche attive per il lavoro e poi si parla di spopolamento e fuga dei cervelli…..

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *