Mattia Binotto dice che sarebbe “completamente sbagliato” se la Ferrari cambiasse obiettivi

Mattia Binotto insiste che la Ferrari non sprinterà lungo un percorso di progressione definito solo perché ha un annusato di campionato del mondo.

Durante il periodo di minimo della stagione 2020, i giganti italiani hanno rivisto tutti gli aspetti delle loro operazioni di Formula 1 e hanno delineato cosa avrebbero dovuto fare se dovessero tornare ai vertici dello sport.

All’epoca, la Ferrari faticava a centrocampo, trovandosi anche alle spalle di questa divisione in Belgio, e goffamente al Gran Premio d’Italia, dove metteva in atto persone e sistemi per cercare di invertire il declino.

L’obiettivo specifico era quello di diventare di nuovo vincitori della gara entro il 2022, quando è arrivata una nuova era di regolamenti, e ci è voluta solo una gara per realizzarla. Charles Leclerc Ha vinto l’apertura della stagione in Bahrain.

Ora, però Toro Rosso Ha conquistato i primi due campionati del mondo e ci sono ancora tutte le possibilità per la Scuderia, con la sua vettura F1-75 straordinariamente veloce, di lottare per il titolo.

Ma nonostante l’opportunità, il capo del team Binotto afferma che la Ferrari non si discosterà dai suoi obiettivi originali.

“Abbiamo fissato i nostri obiettivi per tornare alle competizioni nel 2022”, ha affermato Binotto. BBC. “Quindi il nostro obiettivo è essere competitivi, non vincere il campionato, e sarebbe completamente sbagliato trasformarlo in ‘proviamo a vincere il campionato perché siamo competitivi.

“La competitività è una verità. Diventare campione del mondo è un altro livello di compiti.

“[Saying] Forse è per togliere un po’ di pressione alla squadra, ma penso anche che sarebbe un errore da parte della dirigenza cambiare i gol rispetto a quelli che gli abbiamo dato”.

READ  Gran Premio dell'Azerbaigian: Sergio Perez vince dopo l'incidente di Max Verstappen

Ma ciò non significa che la Ferrari non stia cercando titoli per il prossimo futuro – e forse anche un’altra epoca d’oro come quella vissuta con Michael Schumacher nei primi anni di questo secolo.

“Senza dubbio quello che intendiamo fare è provare ad aprire un percorso, diventare campioni del mondo e non solo una volta, provare a rimanerci. Ma penso che ci vorrà del tempo”, ha aggiunto Binotto.

“Dobbiamo ancora migliorare la nostra mentalità interna come squadra per poter vincere il campionato.

“Non significa che non lo faremo. Forse lo faremo il prima possibile, ma siamo consapevoli del fatto che è più che essere competitivi.

“L’ambizione c’è. Tutti quelli che lavorano in Ferrari hanno ambizione. Non credo di aver bisogno di ricordarglielo.

“La cosa più importante è consentire loro di concentrarsi sul nostro processo di miglioramento continuo, quindi ogni gara è un’opportunità per rivedere le lezioni apprese e costruire per fare qualcosa di meglio.

“Ed è importante rimanere concentrati su ogni gara individualmente. Non guardiamo alle valutazioni”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.