L’ultima istanza di Perseverance è solo una regolite sbriciolata. Quando gli scienziati ci metteranno le mani sopra, impareremo molto su come vivere su Marte

La parte Mars Sample Return (MSR) della missione Perseverance è iniziata, letteralmente. Negli ultimi mesi, il rover si è concentrato sulla cattura di campioni che alla fine verranno riportati sulla Terra come parte della futura missione di ritorno dei campioni su Marte. Sulla Terra, molte tecnologie avanzate possono comprimere ed espellere campioni in modi che non sarebbe possibile lanciare con un veicolo spaziale. Tuttavia, se gli scienziati decidono di pungere o pungolare gli ultimi cluster di Perseverance, potrebbero incontrare difficoltà perché sono fatti di regolare regolite.

La regolite, lo strato permanente di polvere su Marte, è parte integrante della nostra comprensione di come si è formata la superficie di Marte nel corso dei secoli e cosa si può fare per mitigarne gli effetti sui nostri sistemi di esplorazione. È noto per causare la fine della missione per amati viaggiatori come Spirit e Opportunity, sia intrappolandone uno in un pantano inevitabile o coprendo le loro celle solari con uno strato di polvere in modo che solo una luce solare limitata possa penetrare. .

Dal punto di vista scientifico, la regolite è interessante perché permetterà ai geologi di comprendere meglio l’evoluzione del clima marziano. Uno dei compiti principali di Perseverance è l’astrobiologia e la regolite può contenere indizi su cosa stesse succedendo esattamente quando Marte era più caldo e più umido. Anche con la sua ubiquità in tutto il pianeta, i migliori strumenti che siamo stati in grado di inviare lì finora impallidiscono rispetto all’esame tecnico eseguito sul campione una volta tornato sulla Terra.

Un video nello Utah che descrive in dettaglio la missione di ritorno del campione su Marte.

Dal punto di vista ingegneristico, la regolite, che consiste in quasi tutta la polvere nell’atmosfera di Marte, presenta una serie di sfide scoraggianti. L’assioma di Anakin Skywalker sulla sabbia in Star Wars contiene un granello di verità, poiché può essere grossolano e irritante e arrivare ovunque. Lo stesso vale per la regolite marziana. È famoso per attaccarsi a tutto, comprese, potenzialmente, tute spaziali e, cosa più pericolosa, all’interno dei polmoni dell’astronauta.

Se entra anche nei polmoni di un astronauta, è pericoloso non solo per grattarlo via. La regolite contiene perclorato, che sarebbe potenzialmente un veleno mortale per qualsiasi forma di vita che tenti di liberarsene a causa della sua presenza sul pianeta rosso. Capire come mitigare gli effetti di questa pericolosa sostanza potrebbe letteralmente dimostrare la vita o la morte per i primi coloni marziani.

Tutti questi sono buoni motivi per cui Perseverance si interessa a loro e, come tale, il rover ha recentemente raccolto due campioni utilizzando una regolite specializzata. Questa punta differisce dalle punte e dalle punte standard per l’abrasione della roccia, in quanto sembra una “protuberanza con piccoli fori”, secondo un comunicato stampa del JPL. Sebbene possa sembrare relativamente semplice, è stato sviluppato con migliaia di ore di ingegneria e test utilizzando la regolite marziana simulata.

La punta da trapano che Perseverance utilizza nel suo compito, prima di installarla. L’estrema sinistra è la punta di regolite utilizzata nella serie di campioni più recente, mentre quella centrale è per la perforazione della roccia e l’estrema destra è per l’erosione della roccia.
Credito – NASA/JPL-Caltech

Sfortunatamente, ci sono limitazioni all’MSR, soprattutto in termini di capacità di carico utile. Pertanto, solo uno dei due campioni di regolite raccolti di recente tornerà mai sulla Terra. Fino ad allora, ci vorrà la parte migliore di un decennio prima che ritorni, poiché la seconda fase del MSR è ancora in fase di pianificazione.

READ  Marsquick | Hakkadai

L’altro campione trascorrerà il resto dei suoi giorni come parte di un manufatto della prima era dell’esplorazione umana di Marte. La perseveranza merita sicuramente il suo posto in quel pantheon, indipendentemente dall’esemplare che decidi di rimandare indietro.

Scopri di più:
NASA- Il rover Perseverance della NASA si schianta su Marte
Utah – I campioni restituiti da Marte saranno protetti da un delicato scudo di meteoriti
Utah – È qui che potrebbe atterrare la missione di ritorno del campione su Marte
Utah – I primi raccolti su Marte dovrebbero essere erba medica e cianobatteri. Poi arrivano le piante più deliziose

immagine principale:
Due fori dai campioni di regolite prelevati da Al Muthabara il 2 e 6 dicembre.
Credito – NASA/JPL-Caltech

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.