Lo studio trova più malattie trasmesse dalle zecche in tutto il Canada con test più rigorosi

Un ricercatore del Quebec chiede test di monitoraggio più completi tic tacindicando che agenti patogeni diversi da malattia di Lyme Si trovano nelle zecche in tutto il Canada.

Kirsten Crandall è una studentessa di dottorato Università McGillUn agente patogeno, Babesia odocoilei, è stato trovato in animali come alci e cervi nel Saskatchewan, dice.

Leggi di più:

La stagione delle zecche è arrivata, ma gli esperti dicono che “non c’è motivo” per cui i canadesi siano eccessivamente preoccupati

Crandall ha affermato che l’agente patogeno, così come un altro, Rickettsia rickettsi, sono stati trovati al di fuori della loro area geografica storica.

“Il motivo per cui questi due agenti patogeni sono particolarmente importanti è che l’agente patogeno può effettivamente causare la babesiosi, che è una malattia che gli esseri umani possono contrarre. E poi la rickettsia può causare la febbre maculata delle Montagne Rocciose (RMSF), che è anche un’altra malattia che gli esseri umani possono contrarre .” Disse Crandall.

La storia continua sotto l’annuncio

Ha detto che il loro studio, combinato con i risultati della McGill University e dell’Università di Ottawa, ha trovato queste malattie nelle zecche e nei piccoli mammiferi, ma ha detto che c’era il potenziale per loro di diffondersi agli esseri umani.

Leggi di più:

La Nuova Scozia ha il più alto rapporto tick-to-umano del paese: Professore di Biologia

I Centers for Disease Control and Prevention (CDC) descrivono la babesiosi come una malattia causata da parassiti microscopici che infettano i globuli rossi.

indica che si trova comunemente nei piccoli mammiferi, ma pochi casi sono stati trovati negli esseri umani.

I sintomi della babesiosi includono febbre, brividi, mal di testa, sudorazione, dolori muscolari, perdita di appetito, nausea o affaticamento, con il CDC che aggiunge che possono essere gravi o pericolosi per la vita nelle persone con condizioni di salute preesistenti.

Zecca di coniglio con rickettsia.

Kirsten Crandall/McGill University

La RMSF è descritta come una grave malattia trasmessa dalle zecche che può essere fatale se non trattata precocemente.

La storia continua sotto l’annuncio

Il CDC elenca i sintomi di RMSF come febbre, mal di testa, eruzioni cutanee, nausea, vomito, mal di stomaco, dolori muscolari e mancanza di appetito.

I problemi di salute a lungo termine possono portare a danni permanenti come l’amputazione, la perdita dell’udito, la paralisi o la disabilità mentale.

Leggi di più:

Gli esperti si aspettano un brutto anno per le zecche mentre gli insetti portatori di malattie si espandono in Canada

L’unico motivo per cui hanno trovato questi agenti patogeni è stato attraverso test più approfonditi, e quella parte dello studio sta spingendo per una maggiore sorveglianza delle zecche, ha detto Crandall, aggiungendo che hanno trovato agenti patogeni normalmente non visti in Quebec.

“Abbiamo testato tutte le diverse fasi della vita delle zecche, comprese le larve, che di solito non vengono testate negli sforzi di indagine. E testiamo per ulteriori agenti patogeni, piuttosto che quelli che sono più comuni”.

Kirsten Crandall lavora sul campo con la sua attrezzatura protettiva.

Kirsten Crandall/McGill University

Ha detto che questo studio va oltre ciò che di solito cerchiamo negli studi sulle zecche.

La storia continua sotto l’annuncio

“Se non ci rendiamo nemmeno conto di dove siano queste zecche e gli agenti patogeni trasmessi dalle zecche, come possiamo proteggerci quando siamo all’aperto o quando ci divertiamo con gli altri?”

Stiamo diventando molto consapevoli della malattia di Lyme, ha detto Crandall, ma non sappiamo molto di altri agenti patogeni che stanno iniziando a diventare più comuni nelle zecche trovate in Canada.

“Se troviamo concentrazioni di zecche con questi agenti patogeni, è probabile che inizieremo a vedere casi umani di queste malattie”.

e copia 2022 Global News, una divisione di Corus Entertainment Inc.

READ  Ammira fiori squisiti conservati nell'ambra di 100 milioni di anni

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.