Lo spettatore che ha preso d’assalto una partita dei Mondiali sventolando una bandiera gay è un calciatore italiano diventato attivista

Un manifestante che è corso in campo durante la partita della Coppa del Mondo del Portogallo contro l’Uruguay in Qatar si è rivelato essere un calciatore diventato attivista globale.

Mario Phiri ha indossato una maglietta blu di Superman con la scritta “Save Ukraine” sul davanti mentre ha preso d’assalto il campo nella seconda metà della partita della fase a gironi di lunedì sera.

La maglia aveva anche “Rispetto per le donne iraniane” [sic]ha scritto sul retro, riferendosi alle proteste anti-regime in Iran negli ultimi mesi.

Phiri, meglio conosciuto come “The Falcon”, è un calciatore italiano che lavora per il club indiano di seconda divisione United Sports Club e ha lavorato in Ucraina per trasportare i rifugiati al sicuro in Polonia.

Ha conquistato gli stadi diverse volte prima di sfoggiare la sua caratteristica maglia di Superman in Italia e in Sud America per aumentare la consapevolezza per cause tra cui Save the Favela Babies.

Il difensore Mario Ferri irrompe in campo nella ripresa sventolando la bandiera del Pride

Il calciatore ha pubblicato foto di se stesso mentre si preparava per il fronte in Ucraina mentre guidava i rifugiati in Polonia

Il calciatore ha pubblicato foto di se stesso mentre si preparava per il fronte in Ucraina mentre guidava i rifugiati in Polonia

Un manifestante si trova su un carro armato in Ucraina, dove quest'anno ha lavorato come operatore umanitario

Un manifestante si trova su un carro armato in Ucraina, dove quest’anno ha lavorato come operatore umanitario

Mario Ferry, meglio conosciuto come

Mario Vieri, meglio conosciuto come “The Falcon”, è un calciatore italiano e operatore umanitario in Ucraina

Ferry è stato bloccato a terra dalla sicurezza durante la protesta per i diritti LGBT in Qatar

Ferry è stato bloccato a terra dalla sicurezza durante la protesta per i diritti LGBT in Qatar

Ferry ha pubblicato sui suoi social media mostrando il suo lavoro in Ucraina guidando i rifugiati in Polonia

Ferry ha pubblicato sui suoi social media mostrando il suo lavoro in Ucraina guidando i rifugiati in Polonia

Il giocatore è stato posto agli arresti domiciliari in Italia a causa di una serie di invasioni di campo e invasioni di forma ai Mondiali, prendendo d’assalto il campo al torneo 2014 in Brasile con la sua maglia “dei bassifondi”.

Phiri ha detto all’inizio di quest’anno di aver sentito il bisogno di agire quando Putin ha invaso l’Ucraina, respingendo decine di rifugiati attraverso il confine verso la Polonia.

“Lo faccio da solo”, ha detto a CBS Sport. Pago tutto e non voglio niente in cambio. Stavo per litigare quel giorno perché ho visto un uomo che chiedeva soldi per fare quello che faccio. È inaccettabile, le persone qui sono disperate e sono poche le persone che vorrebbero farne un business.

Vado a Lviv, cerco persone che hanno bisogno di aiuto e guido cinque, 10, 15 ore. Lviv funge da porto per gli ucraini che vogliono lasciare il paese.

‘all’estero [in Poland especially] Pieno di persone che aiutano, ma in Ucraina molti sono preoccupati che possa succedere loro qualcosa.

L’influencer ha condiviso il suo lavoro in Ucraina sui suoi social media, insieme a foto della sua carriera calcistica e un video di lui che distribuisce denaro in una discoteca.

Dopo aver corso per lo stadio per diversi minuti, il manifestante è stato portato via dalla sicurezza

Dopo aver corso per lo stadio per diversi minuti, il manifestante è stato portato via dalla sicurezza

La sicurezza lo ha espulso dopo aver preso d'assalto il campo durante la partita tra Portogallo e Uruguay

La sicurezza lo ha espulso dopo aver preso d’assalto il campo durante la partita tra Portogallo e Uruguay

Viri invase anche una partita tra Juventus e Napoli nel 2017, lanciando una sciarpa all'attaccante Gonzalo Higuain (a sinistra)

Viri invase anche una partita tra Juventus e Napoli nel 2017, lanciando una sciarpa all’attaccante Gonzalo Higuain (a sinistra)

Ferry è stato inseguito per lo stadio dalla sicurezza mentre portava la bandiera del Pride sopra la sua testa durante la partita Portogallo-Uruguay a Lusail, in Qatar, prima di essere finalmente afferrato e portato via.

La bandiera dell’orgoglio è stata alzata dall’arbitro della partita dopo essere caduta sull’erba quando l’uomo è stato espulso per aver permesso alla partita di continuare dopo alcuni minuti di interruzione.

Alcuni fan hanno applaudito il manifestante mentre attraversava di corsa la piazza prima di essere trascinato via.

Essere gay è illegale in Qatar con una pena detentiva fino a sette anni, il che ha portato a una grande controversia sull’eroismo.

Diversi giocatori ed esperti, comprese le squadre gallese e tedesca, sono stati coinvolti in discussioni con la FIFA sul loro diritto di indossare fasce One Love durante le loro partite.

I capi della FIFA hanno minacciato azioni disciplinari “illimitate” e cartellini gialli se i giocatori indosseranno la fascia di capitano a sostegno del controverso paese ospitante del Qatar.

Ai fan è stato anche vietato di indossare cappelli a secchiello arcobaleno e di portare bandiere arcobaleno negli stadi.

Ferry ha lanciato una bandiera del Pride a terra mentre veniva inseguito dalla sicurezza, costringendo il gioco a fermarsi

Ferry ha lanciato una bandiera del Pride a terra mentre veniva inseguito dalla sicurezza, costringendo il gioco a fermarsi

L'arbitro Alireza afgano iraniano alza la bandiera arcobaleno mentre l'uomo viene scagionato.  Il gioco è ricominciato poco dopo

L’arbitro Alireza afgano iraniano alza la bandiera arcobaleno mentre l’uomo viene scagionato. Il gioco è ricominciato poco dopo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *