L’Italia prevede di attrarre più studiosi dell’India meridionale con il suo consolato a Bengaluru-Edexlive

Foto solo a scopo rappresentativo (Crediti foto: Express)

L’Italia mira ad attrarre più studenti dell’India meridionale a studiare nel proprio paese. In linea con questo, il Console Generale ha affermato che il Paese prevede di aprire un Consolato Generale fisico a Bangalore entro aprile, secondo un rapporto del New Indian Express.

Mercoledì 7 dicembre, Uni-Italia, il Centro italiano per la promozione dell’istruzione superiore italiana, ha organizzato una fiera educativa di un giorno denominata Giornate italiane dell’istruzione superiore (IDOHE). Questo ha visto la presenza di sette università italiane e dieci università di Bangalore. Alla fine, alcune delle università italiane più antiche e di alto rango, tra cui Universidad Cattolica (Università Cattolica), Università di Pisa (Università di Pisa) e Università di Messina, si sono mescolate con diverse università di Bengaluru come St. Joseph’s University, Christ’s University, Collegio Cristo Jayanti e Università dell’Alleanza.

Il Console Generale d’Italia a Bengaluru, Alfonso Tagliferi, ha dichiarato: “L’Italia ha la più alta percentuale di popolazione indiana nell’Unione Europea, con una popolazione di 200.000. Ci sono circa 5.000 studenti che già studiano in Italia e speriamo di aumentare questo numero, che è il motivo alla base dell’Education Fair Exploration di oggi.

Inoltre, “Vogliamo garantire che più studenti vengano a studiare in Italia dal sud dell’India, non solo dal Karnataka ma anche da stati come Tamil Nadu e Telangana. Inoltre, il numero di corsi di lingua inglese disponibili per studiare in Italia è in aumento, che ci ha reso una destinazione attraente”. Inoltre, Uni-Italia aprirà una filiale all’interno della prossima filiale del Consolato Generale di Bangalore.

cavo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *