Home / Politica / Lidia De Benedittis: La cultura, ottimo viatico per l’identità della città

Lidia De Benedittis: La cultura, ottimo viatico per l’identità della città

Per troppo tempo il capitolo afferente la cultura, nella città di Campobasso, è rimasto chiuso. Al palo. Va dato atto e merito all’assessore Lidia De Benedittis di avere, da subito, rimettere in moto il settore e, non da ultimo, il colpo dell’apertura della Bibliomediateca nella casa della scuola di via Roma. Un momento, sicuramente, importante per un’amministrazione comunale. Di sicuro importante per un capoluogo di regione. E va, anche, aggiunto, che l’attività dell’assessore, si è svolta, come si suol dire, in un fazzoletto di terreno visto e considerato che si è insediata solo a luglio dello scorso anno. Trovandosi nel bel mezzo delle manifestazioni dei 300 anni del Di Zinno, della seconda uscita dei Misteri a dicembre, del cartellone del Natale e di altre iniziative che sono state realizzate nell’ambito della cultura.

Assessore De Benedittis, un percorso tracciato?

“Un capoluogo di regione deve avere una propria identità. Deve ritrovare la sua identità e proiettarla al domani. Quanto messo in campo da questa amministrazione è proprio in questo solco. Perché ritengo che la cultura possa rappresentare, anche, un volano per iniziative finalizzate all’occupazione dei giovani. Musei, mostre,  convegni  e  concerti  muovono, poi,  flussi  importanti  e,  a  tale  scopo,  la  polifunzionalità  dei  contenitori  che  li  ospitano  è  un  fattore  fondamentale”.

Valorizzare la cultura, allora, per migliorare la qualità della vita?

L’area cittadina rappresenta un “banco di prova” importante per verificare le potenzialità dei processi di valorizzazione della Cultura, in termini di miglioramento della qualità della vita dei cittadini, di rafforzamento degli elementi di identità e di coesione sociale, in tempi in cui la crisi economica accresce le divisioni e i contrasti sociali con il conseguente incremento del potenziale “attrattivo” per un ritorno concreto in termini economici. La Cultura, infatti, rappresenta per la Città un elemento imprescindibile di sviluppo e di crescita”.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Polo museale, Molise aggregato all’Abruzzo. Silenzio per la biblioteca Albino

La riforma Bonisoli è ufficiale. E’ stata pubblicata in data 7 agosto in Gazzetta Ufficiale, …

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *