Le proteste si intensificano per il piano indiano di contratti militari a breve termine

I manifestanti nello stato del Bihar, nell’India orientale, hanno danneggiato la proprietà pubblica e saccheggiato gli uffici di una stazione ferroviaria sabato, esprimendo rabbia per il nuovo piano di coscrizione militare e chiedendo al governo di invertire la rotta.

Il governo del primo ministro Narendra Modi ha introdotto una politica chiamata Agnipath o “Path of Fire” progettata per portare più personale nell’esercito con contratti di quattro anni per ridurre la durata media della vita degli 1,38 milioni di forze armate indiane.

È un generale militare anziano, tenente generale. Anil Puri ha detto al canale di notizie NDTV che l’obiettivo del piano era rendere l’esercito più moderno ed efficace.

Gli analisti hanno affermato che la nuova politica aiuterà anche a ridurre l’aumento dei costi delle pensioni, ma gli oppositori ritengono che limiterà le opportunità di lavoro a tempo indeterminato nelle forze di difesa, con implicazioni per stipendi, pensioni e altri benefici.

La polizia ha arrestato i manifestanti durante una manifestazione contro il progetto militare a Chennai sabato. (Arun Sankar/AFP/Getty Images)

Migliaia di giovani hanno aggredito carrozze, bruciato pneumatici e si sono scontrati con funzionari in una stazione ferroviaria del Bihar, uno degli stati più poveri dell’India.

Le autorità hanno cancellato 369 treni in tutto il paese, molti dei quali stavano transitando in aree soggette a disordini.

Sanjay Singh, un alto funzionario di polizia che sovrintende all’ordine pubblico nello stato, ha affermato che almeno 12 manifestanti sono stati arrestati e almeno quattro poliziotti sono rimasti feriti negli scontri.

“Circa 2.000-2.500 persone sono entrate nella stazione ferroviaria di Masourhi e hanno attaccato le truppe”, ha detto a Reuters.

Nell’Uttar Pradesh, lo stato più popoloso dell’India, la polizia ha arrestato almeno 250 persone nell’ambito dei cosiddetti arresti preventivi. Alcuni manifestanti hanno accusato la polizia di usare la forza in modo eccessivo. Una persona è stata uccisa nelle proteste di questa settimana.

Qualche cambiamento di carriera

Nel tentativo di contenere la rabbia, sabato il governo federale ha annunciato concessioni per coloro che presteranno servizio secondo le nuove regole.

Il Ministero dell’Interno federale ha annunciato che assegnerà il 10 per cento dei posti vacanti nei paramilitari e nell’Assam Rifles, un’unità dell’esercito indiano, a coloro che sono morti a causa dell’esercito dopo il periodo di quattro anni.

Gli attivisti della Conferenza dei giovani del Pradesh di Mumbai hanno cantato slogan durante una protesta contro il nuovo piano di reclutamento “Agnipath” del governo per l’esercito, la marina e l’aviazione a Mumbai sabato. (Sujit Jaiswal/AFP/Getty Images)

Il ministero della Difesa ha dichiarato che assegnerà il 10 per cento dei posti vacanti a coloro che hanno terminato il periodo.

“Forse perché è un nuovo schema che la gente ha frainteso, ma ne stiamo discutendo con tutti, compresi gli ex militari”, ha detto sabato il ministro della Difesa Rajnath Singh in una conferenza.

La politica prevede che il 25% delle reclute venga mantenuto dopo quattro anni di servizio, con il resto prioritario per altri lavori, come la polizia di stato.

“Trasformazione delle risorse umane”

Venerdì, il capo della marina ha affermato che le proteste erano inaspettate e potrebbero essere state il risultato di disinformazione sul nuovo sistema.

Un addetto di un autobus del treno venerdì ispeziona una carrozza del treno data alle fiamme dai manifestanti che protestavano contro il nuovo piano di reclutamento militare del governo in una stazione ferroviaria a Secunderabad, nello stato indiano di Telangana. (Noah Salam/AFP/Getty Images)

“Non mi aspettavo proteste come questa”, ha detto Hari Kumar ad ANI. “È il più grande cambiamento nella gestione delle risorse umane che si sia mai verificato nell’esercito indiano”.

Il programma non è aperto alle donne in ruoli di combattimento e non ci sono attualmente piani per cambiarlo.

READ  Uno studente ucraino appena arrivato all'Università della Columbia Britannica osserva impotente l'escalation del conflitto con la Russia

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.