L’Apple Store vota per unirsi ai sindacati nella crescente pressione per proteggere il posto di lavoro negli Stati Uniti

I dipendenti di un Apple Store in un sobborgo di Baltimora sabato hanno votato per aderire ai sindacati con un margine di quasi 2 a 1, secondo un sindacato, per unirsi a una spinta crescente nei settori della vendita al dettaglio, dei servizi e della tecnologia degli Stati Uniti per organizzarsi per una maggiore protezione del posto di lavoro.

Secondo un annuncio sindacale, i dipendenti della Apple a Towson, nel Maryland, hanno votato 65 contro 33 per candidarsi per entrare a far parte della Federazione internazionale dei meccanici e dei lavoratori spaziali. Il voto non potrebbe essere subito confermato con il National Labor Relations Board degli Stati Uniti, che dovrà certificare il risultato. Un portavoce dell’NLRB ha riferito le prime domande sul voto all’ufficio regionale del consiglio, che è stato chiuso alla fine di sabato.

Il portavoce dell’azienda, Josh Lipton, ha rifiutato di commentare lo sviluppo di Apple sabato, dicendo all’Associated Press per telefono.

L’organizzazione sindacale in una varietà di campi ha recentemente acquisito slancio dopo decenni di declino dell’adesione ai sindacati americani. Le autorità di regolamentazione hanno lavorato per creare sindacati presso aziende tra cui Amazon, Starbucks, la società madre di Google Alphabet e il rivenditore di prodotti all’aperto REI.

Perseguire i diritti “al momento non abbiamo”

La Federazione internazionale dei macchinisti, dei lavoratori aerospaziali e dei dipendenti Apple che volevano aderire ha dichiarato di aver inviato il mese scorso al CEO di Apple Tim Cook un avviso che stavano cercando di formare un sindacato. La dichiarazione affermava che il loro motivo era quello di perseguire “diritti che attualmente non abbiamo”. Ha aggiunto che i lavoratori si sono recentemente organizzati nella Coalition for Organized Retail Employees, o CORE.

READ  La Croazia si è qualificata per le semifinali di Coppa Davis dopo aver sconfitto l'Italia

“Applaudo il coraggio dimostrato dai membri CORE presso l’Apple Store di Tucson nel raggiungere questa vittoria storica”, ha affermato nella dichiarazione Robert Martinez Jr., presidente di IAM International. “Hanno fatto enormi sacrifici per le migliaia di dipendenti Apple in tutto il paese che hanno osservato queste elezioni”.

Martinez ha invitato Apple a rispettare i risultati elettorali e consentire ai dipendenti sindacali di accelerare gli sforzi per assicurarsi un contratto presso la sede di Tucson.

Non è ancora chiaro quali passi seguiranno al voto a Tucson. Gli esperti del lavoro affermano che è normale che i datori di lavoro rallentino il processo negoziale nel tentativo di trarre slancio dalle campagne sindacali.

IAM si considera uno dei sindacati industriali più grandi e diversificati del Nord America, che rappresenta quasi 600.000 membri attivi e in pensione nei settori aerospaziale, difesa, aereo, ferroviario, dei trasporti, sanitario, automobilistico e di altro tipo.

I sindacati dell’Apple Store stanno arrivando sulla scia di un’altra organizzazione sindacale nazionale, alcuni dei quali sono stati respinti.

Apple ha rifiutato di commentare il voto sindacale. (Ng Han Guan/The Associated Press)

I lavoratori di Amazon in un magazzino di New York City hanno votato per aderire a un sindacato ad aprile, il primo sforzo normativo statunitense di successo nella storia del gigante della vendita al dettaglio. Tuttavia, i lavoratori di un altro magazzino Amazon a Staten Island hanno respinto in modo schiacciante l’offerta sindacale il mese scorso. Nel frattempo, i lavoratori di Starbucks in dozzine di negozi statunitensi hanno votato per aderire ai sindacati negli ultimi mesi, dopo che due dei negozi della catena di caffè a Buffalo, New York, hanno votato per aderire a un sindacato alla fine dell’anno scorso.

Molti sforzi sindacali sono stati guidati da giovani lavoratori tra i vent’anni e persino l’adolescenza. L’anno scorso un gruppo di ingegneri di Google e altri lavoratori ha formato l’Alphabet Labour Union, che rappresenta circa 800 dipendenti di Google ed è gestita da cinque persone di età inferiore ai 35 anni.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.