L’alleato di Trump Rudy Giuliani preso di mira nelle indagini elettorali, afferma l’avvocato

Lunedì i pubblici ministeri di Atlanta hanno detto all’avvocato di Rudy Giuliani che era l’obiettivo della loro indagine penale su tentativi potenzialmente illegali dell’allora presidente Donald Trump e altri di interferire nelle elezioni generali del 2020 in Georgia, ha detto lunedì uno degli avvocati di Giuliani.

Il procuratore speciale Nathan Wade ha avvisato il procuratore locale di Giuliani ad Atlanta che l’ex sindaco di New York City e l’avvocato personale di Trump potrebbero essere incriminati, ha detto Bob Costello, uno degli avvocati di Giuliani. La notizia della rivelazione è stata riportata per la prima volta da New York Times.

Il procuratore distrettuale della contea di Fulton, Fanny Willis, ha aperto le indagini l’anno scorso e a maggio è stata costituita una giuria speciale su sua richiesta. L’ho identificato come l’avvocato personale di Trump e il principale avvocato nella sua campagna di rielezione.

Il giudice della corte superiore della contea Robert McBurney, che sovrintende al gran giurì speciale, ha ordinato a Giuliani di comparire davanti alla giuria per testimoniare mercoledì.

L’inchiesta ha scatenato l’appello di Trump con un funzionario della Georgia

L’indagine di Willis è stata innescata da una telefonata tra Trump e il Segretario di Stato della Georgia Brad Ravensberger. Durante quella conversazione del gennaio 2021, Trump ha suggerito che Ravensberger potrebbe “trovare” i voti necessari per invertire la sua perdita di misura nello stato.

È anche emerso che il procuratore generale era interessato alle udienze del Comitato legislativo della Georgia del dicembre 2020 in cui Giuliani è apparso e ha diffuso false accuse di frode elettorale nella contea di Fulton, ad Atlanta.

READ  L'Ucraina ha detto che un secondo hotel e centro commerciale è stato colpito mentre la Russia ha lanciato missili ipersonici su Odessa

Il mese scorso Willis ha presentato petizioni per chiedere la testimonianza di sette aiutanti e consiglieri di Trump. Poiché non vivono in Georgia, ha dovuto utilizzare un processo che prevedeva di chiedere a un giudice negli stati in cui vivevano di ordinare loro di comparire.

In una petizione che richiedeva la testimonianza di Giuliani, Willis ha scritto che lui e altri hanno partecipato alla riunione della commissione del Senato e hanno presentato un video che secondo Giuliani mostrava operatori elettorali che producevano “borse” di schede elettorali illegali da fonti sconosciute, fuori dagli occhi degli osservatori elettorali.

Entro 24 ore dall’udienza del 3 dicembre 2020, l’ufficio di Ravensberger ha denunciato la falsità del video. Ma Giuliani ha continuato a rilasciare dichiarazioni al pubblico e alle successive udienze legislative in cui ha affermato di aver diffuso frode elettorale utilizzando il video smentito, ha scritto Willis.

Le prove indicano che l’audizione e la testimonianza di Giuliani erano “parte di un piano multistatale coordinato dalla campagna di Trump per influenzare l’esito delle elezioni del novembre 2020 in Georgia e altrove”, secondo la petizione.

Guarda | Mandato di perquisizione per il raid dell’FBI nella casa di Trump svelato:

Un mandato di perquisizione dell’FBI rivela che Trump è sotto inchiesta per violazione dell’Espionage Act

Un giudice federale degli Stati Uniti ha rivelato il mandato di perquisizione utilizzato sulla proprietà dell’ex presidente degli Stati Uniti Donald Trump a Mar-a-Lago, in Florida. Il Dipartimento di Giustizia ha pubblicato un elenco di ciò che gli agenti dell’FBI hanno sequestrato, che includeva 20 scatole di documenti che potrebbero violare le leggi statunitensi sullo spionaggio.

READ  Biden si scontra con il pugno del principe ereditario saudita, ma lo affronta per l'omicidio di Khashoggi

Un altro alleato di Trump chiamato a testimoniare

Sempre lunedì, un giudice federale ha affermato che la senatrice statunitense Lindsey Graham dovrebbe testimoniare davanti a un gran giurì speciale ad Atlanta per indagare se Trump e i suoi alleati abbiano violato le leggi mentre cercavano di ribaltare la sua perdita di misura alle elezioni generali dello stato del 2020.

Gli avvocati di Graham, il repubblicano, hanno sostenuto che la sua posizione di senatore degli Stati Uniti gli ha dato l’immunità dal dover comparire davanti alla commissione investigativa e hanno chiesto al giudice di annullare la citazione. Ma lunedì il giudice distrettuale degli Stati Uniti Lee Martin May ha scritto in un ordine che le immunità legate al suo ruolo di senatore non lo hanno protetto dal dover testimoniare.

La citazione di Graham è stata ordinata di comparire davanti al gran giurì speciale il 23 agosto, ma il suo ufficio ha dichiarato lunedì che intende presentare un ricorso presso l’11a Corte d’Appello degli Stati Uniti.

I pubblici ministeri hanno indicato di voler chiedere a Graham delle telefonate che hanno detto di aver avuto con il Segretario di Stato della Georgia Ravensberger e il suo staff nelle settimane successive alla sconfitta elettorale di Trump contro il democratico Joe Biden.

Due uomini che intrecciano le mani in aria davanti a una folla.
Il senatore Lindsey Graham con Trump durante una campagna elettorale nel febbraio 2020 a North Charleston, nella Carolina del Sud (Patrick Simansky/Associated Press)

I giudici respingono gli argomenti contro la testimonianza

Graham ha sostenuto che una disposizione della Costituzione forniva una protezione assoluta contro l’interrogatorio di un senatore su atti legislativi. Ma il giudice ha ritenuto che c’erano “aree significative di potenziale indagine del gran giurì” che non rientravano nell’ambito di questa disposizione.

Il giudice ha anche respinto l’argomento di Graham secondo cui il principio di “immunità sovrana” protegge un senatore dalla citazione del procuratore generale.

Graham ha anche affermato che Willis, un democratico, non ha mostrato le circostanze eccezionali necessarie per costringere la testimonianza di un funzionario di alto rango. Ma il giudice non era d’accordo, ritenendo che Willis mostrasse “circostanze eccezionali e un bisogno speciale” per la testimonianza di Graham su questioni relative a un presunto tentativo di influenzare o interrompere le elezioni in Georgia.

Il mese scorso il giudice May ha respinto un tentativo simile del rappresentante Judy Hayes di evitare di testimoniare davanti al gran giurì speciale.

Giuliani ha affermato che non può recarsi ad Atlanta per testimoniare a causa di problemi di salute, ma il giudice della contea di Fulton McBurney gli ha ordinato di comparire mercoledì.

L’ufficio di Graham ha dichiarato lunedì in una dichiarazione che il senatore non è d’accordo con l’interpretazione del giudice di una disposizione della Costituzione che ritiene lo protegga dall’interrogatorio da parte di un funzionario statale. I suoi avvocati hanno affermato che stava svolgendo indagini che facevano chiaramente parte dei suoi doveri legislativi, relativi alla ratifica del voto e alla proposta di legislazione relativa alle elezioni.

Ma il giudice ha scritto di aver ignorato “il fatto che le persone nelle chiamate indicassero pubblicamente che il senatore Graham non si stava semplicemente impegnando in indagini legislative, ma stava invece suggerendo o insinuando che i funzionari elettorali della Georgia stanno alterando i loro processi o potenzialmente alterando i risultati dello stato. “

Nelle telefonate fatte poco dopo le elezioni generali del 2020, Graham ha interrogato “Ravensberger e il suo staff sulla riconsiderazione di alcune schede elettorali per assenze espresse in Georgia al fine di esplorare la possibilità di un esito più favorevole per l’ex presidente Donald Trump”, ha scritto Willis nella petizione.

Ha scritto che Graham “ha anche fatto riferimento alle accuse di diffusa frode elettorale nelle elezioni del novembre 2020 in Georgia, coerenti con le dichiarazioni pubbliche fatte da noti associati alla campagna di Trump”.

Funzionari elettorali repubblicani e democratici in tutto il paese, tribunali e persino il procuratore generale di Trump hanno scoperto che non ci sono prove sufficienti di frodi elettorali da influenzare l’esito della sua perdita alle elezioni presidenziali del 2020.

I legislatori allineati a Trump avevano pianificato di sfidare i numeri di diversi stati sul campo di battaglia quando il Congresso si è riunito il 6 gennaio 2021 per ratificare i risultati ai sensi dell’Electoral Counting Act, ma dopo l’attacco al Campidoglio quel giorno, il conteggio della Georgia non è mai stato messo in discussione.

Trump ha negato qualsiasi illecito e ha descritto la sua chiamata a Ravensberger come “perfetta”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.