Home / Politica / L’accorpamento Anas all’Abruzzo mette in gioco l’autonomia regionale

L’accorpamento Anas all’Abruzzo mette in gioco l’autonomia regionale

Sul caso Anas, con l’accorpamento previsto del comparto Molise a quello dell’Abruzzo interviene la stessa azienda strade. L’aggregazione di due regioni, come nel caso di Molise e Abruzzo, prevista nel nuovo assetto organizzativo a livello territoriale di Anas, ha l’obiettivo di assicurare la razionalizzazione dei processi aziendali nel mantenimento del forte presidio del territorio per la manutenzione della rete, la realizzazione di nuove opere e le attività amministrative e gestionali. Così, in una nota, l’Anas chiarisce che si tratta di una “nuova organizzazione per rafforzare il presidio: nessun taglio di investimenti e personale”. “Dal punto di vista degli investimenti previsti e delle risorse umane impiegate – scrive l’Anas – la nuova organizzazione non attua alcuna modifica rispetto al passato, anzi, è previsto che, a completamento del riordino, le strutture periferiche di Anas siano rafforzate, anche alla luce del vasto programma di rientro strade in gestione dell’azienda che comprendono gli oltre 150 km della rete stradale molisana”.  E’ pur vero che non si perdono, per ora, posti di lavoro ma nel futuro sicuramente sì così come accaduto nel passato per altri uffici pubblici a partire dalle Poste, alle Ferrovie dell’Enel, della Telecom e via dicendo. Così come, al pari, si perdono gli uffici di progettazione e di previsione di possibili investimenti finalizzati al Molise. Dunque, una nota, quella dell’Anas, che intende mettere una pezza a colore ma lascia scoperta la vera questione: quella, cioè, della presenza di uffici dirigenziali sul territorio molisano.

Di admin

Potrebbe Interessarti

Sanità molisana allo sfascio. Prima di sparare su Roma guardiamo in casa nostra

E’ la sanità, nel Molise, la vera, grande, malata. Affetta da una sorta di debolezza …

Un Commento

  1. Annamaria Palmieri

    Magari!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *