La polizia antisommossa del Qatar respinge enormi folle nella zona dei tifosi della Coppa del Mondo

La fan zone allestita nel centro di Doha si è trasformata in una scena caotica domenica, nel giorno di apertura della Coppa del Mondo, quando decine di migliaia di tifosi hanno spinto e spinto contro le linee della polizia per entrare nello stadio.

I fan stavano cercando di entrare nell’area chiusa che aveva un grande schermo TV per guardare le partite, posti dove comprare birra e altro.

La polizia antisommossa armata di mazze e scudi faceva la guardia all’ingresso. Alcuni fan hanno supplicato gli ufficiali di lasciarli passare attraverso la linea.

Solo un piccolo numero di donne incinte e persone con disabilità è stato autorizzato a entrare nella fan zone attraverso un ingresso prioritario speciale poco dopo il calcio d’inizio della partita tra Qatar ed Ecuador in un’altra città del Qatar, Al Khor.

“È molto pericoloso. Le persone possono morire”, ha detto Hatem Al-Bari, un iracheno che ha affermato di aver lavorato nella vicina Dubai.

La polizia antisommossa fa la guardia fuori dalla sede del Fan Fest, uno dei pochi posti in cui i tifosi possono acquistare alcolici dopo che gli organizzatori della Coppa del Mondo in Qatar hanno annunciato che le bevande alcoliche non sarebbero state vendute negli stadi, due giorni prima dell’inizio del torneo. (Hannah McKay/Reuters)

“Le persone anziane, le donne, non possono sopportare una folla del genere. Grazie a Dio sono un po’ alto, quindi posso respirare. Ma ho visto alcuni bambini e ho detto: ‘Alzati'”. Non riescono a respirare”.

Ha detto di aver visto persone che spingevano e spingevano e donne che piangevano.

“La mia famiglia è dentro”, ha detto, “non posso più entrare a trovarli. Non so cosa fare”.

Luis Reyes, un messicano americano che vive a Los Angeles, ha paragonato l’ammirazione alle scene che si sono svolte poche settimane prima in Corea del Sud e che hanno provocato la morte di oltre 150 persone.

Disse: “Non puoi tornare indietro e non puoi andare avanti”. “Ho detto a mio figlio: ‘Andiamocene. È troppo pericoloso'”.

I fan saltano le barriere nel tentativo di entrare nell’area del fanfest. Solo poche persone potevano entrare dal primo ingresso. (Hannah McKay/Reuters)

Non è chiaro se qualcuno sia stato ferito o arrestato.

Seconda giornata di guai per la fanzone

Si è verificata una situazione simile sabato sera durante un concerto prima della Coppa del Mondo in cui le persone hanno cercato di entrare con la forza nella stessa area dei tifosi, migliaia di persone sono state respinte dalla polizia.

I fan frustrati l’hanno presa troppo duramente. Fuori dal locale, la polizia del Qatar, le guardie di sicurezza e altri hanno fatto uscire le persone con gigantesche dita di gommapiuma, megafoni e joystick lampeggianti.

Ma l’abbondante festa arriva prima che gli 1,2 milioni di tifosi che dovrebbero partecipare al torneo di calcio arrivino in questo piccolo paese della penisola arabica.

E con la decisione del Qatar proprio venerdì di vietare la vendita di birra dagli stadi dei tornei, le aree dei tifosi come quella che ospita il concerto saranno le uniche aree relative alla FIFA che serviranno pinte, il che significa che più tifosi potrebbero finire lì.

Domenica i tifosi bevono birra all’interno della fan zone della Coppa del Mondo. Gli organizzatori si stanno preparando per un afflusso di più tifosi nel corso del torneo. (Alex Grimm/Getty Images)

Domenica, all’interno dell’area del festival, non ci sono stati segni di problemi mentre decine di migliaia di persone hanno assistito alla partita di apertura. La gente ballava, cantava e beveva a una festa di canto che seguì la partita Qatar-Ecuador che si tenne ad Al-Khor City.

Mahdi Hussein, il diciassettenne che non è riuscito ad entrare, ha detto di non essere contento che gli venga servita la birra.

“Mi dà fastidio”, ha detto. “Non voglio essere in un ambiente alcolico.”

READ  Pelosi: Gli Stati Uniti non possono consentire la "nuova normalità" cinese su Taiwan

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.