La NASA rilascia immagini nuove e più vivaci dei famosi pilastri della creazione

Una delle immagini più famose e impressionanti dell’astronomia moderna, che rivela enormi costellazioni di gas e polvere interstellari chiamate Pilastri della Creazione, è stata resa con maggiore profondità, chiarezza e colore dal telescopio spaziale James Webb.

La nuova vista dei pennacchi, catturata nel 1995 dall’ex osservatorio di Webb, il telescopio spaziale Hubble, è stata rivelata dalla NASA mercoledì, tre mesi dopo aver rivelato la serie inaugurale di immagini cosmiche di Webb quando ha iniziato le operazioni complete.

Le affascinanti immagini mostrano enormi e torreggianti pennacchi di dense nubi di gas e polvere mentre le giovani stelle si formano in una regione della Nebulosa Aquila, nella costellazione del Serpente, a circa 6.500 anni luce dalla Terra.

L’immagine è diventata un fenomeno culturale globale, impreziosito da oggetti di uso quotidiano che vanno dalle magliette alle tazze da caffè.

L’ottica a luce visibile del telescopio Hubble è stata rivisitata per creare una visione più nitida e più ampia nel 2014, e i pennacchi sono stati mostrati da Webb nello spettro del vicino infrarosso con maggiore trasparenza, mostrando più stelle quando sono state rivelate nuove caratteristiche di gas e nubi di polvere.

Le immagini mostrano imponenti pennacchi di dense nubi di gas e polvere mentre le giovani stelle si stanno formando in un’area a 6.500 anni luce dalla Terra. (NASA/ESA/CSA/STScI)

Nel materiale che accompagna l’ultima immagine, la NASA ha affermato che il nuovo display “aiuterà i ricercatori a rinnovare i loro modelli di formazione stellare determinando un numero molto più accurato di stelle di nuova formazione, insieme alle quantità di gas e polvere nella regione”.

Le sfere rosse luminose che appaiono al di fuori dei pennacchi sono stelle nascenti, poiché enormi nodi di gas e polvere sono collassati sotto la loro gravità e si sono lentamente riscaldati, dando vita a nuovi corpi stellari, secondo la NASA.

Le strisce ondulate cremisi che sembrano lava sul bordo di alcuni dei pilastri sono espulsioni di materia dalle stelle che si formano ancora all’interno di gas e polvere e hanno solo poche centinaia di migliaia di anni, ha affermato l’agenzia spaziale statunitense.

Quasi due decenni in virtù di un contratto con la NASA dal gigante aerospaziale Northrop Grumman, il telescopio a infrarossi Webb da 9 miliardi di dollari è stato lanciato nello spazio il 25 dicembre 2021, in collaborazione con l’Agenzia spaziale europea e l’Agenzia spaziale canadese.

Ha raggiunto la sua destinazione in orbita eliocentrica a circa un milione di miglia dalla Terra un mese dopo e si prevede che rivoluzionerà l’astronomia consentendo agli scienziati di scrutare più lontano e con maggiore precisione nel cosmo, fino all’alba dell’universo conosciuto.

READ  Astrobiologia Rapporto sullo stato antartico di Dale Andersen: 18 novembre 2022: nuclei di sedimenti e radar penetrante nel terreno

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.