La gente crede in me

Il francese è stato protagonista della prima metà del Campionato del Mondo FIA Rally ed è anche arrivato quarto in carriera l’ultima volta al Rally Italia Sardegna – nonostante l’evento di Alghero fosse solo la sua terza partenza in casa Puma.

Il programma limitato significa che Loubet salterà il Safari Rally Kenya della prossima settimana (23 – 26). Anche se deluso di non essere in Africa, sta lavorando per riportare la serie in Europa per un po’ di grinta quest’estate.

“Ad essere onesto, sono già molto felice e fortunato di aver avuto sette WRC quest’anno. Quindi vorrei ringraziare i miei partner per avermi dato l’opportunità di fare quei rally, perché sono molto grato.

Ha detto: “Amo l’Estonia e la Finlandia, e i miei risultati non sono stati male quando prima ero lì su una R5”.


Il francese ha messo a tacere i dubbiosi sulla sua prestazione nel 2022

Contemplando il suo quarto posto sull’isola italiana, Lopett ha insistito sul fatto che guida ancora e ha molte riserve.

Si ritiene inoltre che il risultato abbia messo a tacere alcuni scettici dopo la stagione e mezza precedente in un i20 allestito per la competizione 2C.

“Dopo l’ultimo anno, molte persone mi hanno interrogato”, ha spiegato. “L’anno scorso è stata una stagione strana e penso che – con quello che avevo tra le mani – fosse impossibile fare qualsiasi cosa. Ora penso che la gente stia iniziando a credere in me”.


I piloti M-Sport stanno dietro al Fourmaux

Piloti M-Sport dietro Fourmaux

I piloti della M-Sport Ford Craig Brin e Pierre-Louis Loubet hanno dato il loro supporto al compagno di squadra Adrien Fourmaux dopo…

Leggi di più

“Ma onestamente in Sardegna non ero al mio estremo. L’Italia non era il rally per andare al limite, se lo avessi fatto non credo che la macchina sarebbe sopravvissuta. L’importante era trovare un buon ritmo e Sono stato in grado di farlo.

“Forse avresti potuto fare il tuo primo podio lì: se Danny [Sordo] Ha un problema o se [Ott] Tanak non è stato troppo fortunato per la cancellazione delle tappe venerdì.

“Quindi sì, avrei potuto essere tra i primi tre, ma è un buon risultato per me. Ad essere onesto, non sto fissando obiettivi ora. Continuo a guidare come sono, per imparare e continuare a godermi quello che sono’ sto facendo.”


READ  Roberto Mancini ha nominato Mario Balotelli nella rosa dell'Italia per la prima volta dal 2018

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.