La Ferrari spiega il vecchio test sul pavimento della vettura di F1 durante le prove libere del GP d’Italia

La squadra italiana ha sollevato alcune sopracciglia alle FP1 a Monza quando Carlos Sainz è stato visto eseguire un progetto di pavimento originariamente utilizzato all’inizio della campagna.

È stato sostituito da una versione più recente che è stata provata da Charles Leclerc al Gran Premio di Francia prima di essere messa in gara, con la Ferrari fiduciosa di aver fatto un passo avanti nelle prestazioni.

Confronto del nuovo terreno della Ferrari F1-75

foto dalla fotografia: Giorgio Beola

Ma dopo alcune recenti lotte con la gestione degli pneumatici durante le gare, dove la Ferrari non è brava con le sue gomme come la Red Bull, il team sospetta che i recenti sviluppi aerodinamici possano aver spinto la sua vettura in una direzione che ne ha danneggiato l’equilibrio.

In risposta a una domanda di Autosport a Monza per spiegare il pensiero alla base del vecchio test sul pavimento, il team manager Mattia Binotto ha spiegato che si trattava di una raccolta di dati per consentire al team di capire se i suoi recenti aggiornamenti avessero causato alcune conseguenze indesiderate.

“Se guardiamo indietro alle ultime gare, dove non siamo stati i migliori in termini di degrado delle gomme, abbiamo sicuramente problemi con l’equilibrio della vettura”, ha spiegato Binotto.

“Avere un bilanciamento aperto, da velocità medio-alte a curve a bassa velocità, provoca il surriscaldamento delle gomme stesse, che a sua volta porta a un deterioramento. Quindi, sappiamo che il bilanciamento della vettura non era corretto.

“Lo scarso equilibrio della vettura è dovuto agli sviluppi meteorologici che ci hanno portato lì, per noi è stato un punto interrogativo.

READ  Ovunque, Lady Gaga ha raggiunto il "doloroso fascino italiano"

“Quindi il motivo per cui ieri abbiamo fatto il test qui a Monza, anche se Monza non era il circuito migliore per fare un test del genere, lo abbiamo fatto per raccogliere i dati e analizzarli di nuovo in fabbrica e cercare di ottenere una spiegazione di quello che è successo che al momento non abbiamo come risposta completa e definitiva.

“Quindi siamo ancora sulla strada per analizzarli, comprenderli e affrontarli, si spera per il futuro”.

Carlos Sainz, Ferrari F1-75

Carlos Sainz, Ferrari F1-75

Fotografia: Stephen T. / foto di sport motoristici

La Ferrari è stata cauta riguardo alle sue possibilità di un buon risultato sul circuito ad alta velocità di Monza, perché la sua vettura non è stata efficiente come le sue concorrenti nelle ultime gare.

Ma Sainz era particolarmente ottimista su come avrebbe funzionato la F1-75 durante l’allenamento.

“Dopo essere arrivati ​​da Spa, l’ultima pista a bassa resistenza dove abbiamo faticato molto, ci aspettavamo di essere poco competitivi qui”, ha spiegato.

Leggi anche:

“Ma devo dire che dalla FP1 la macchina si sentiva molto meglio in un finestrino, molto meglio posizionata rispetto alle terme. I tempi sul giro erano facili, il cronometro non menteva e andavamo sempre più lontano, quindi è stato un piacevole sorpresa.

“Ciò non significa che siamo i più veloci, non credo che siamo i più veloci là fuori in alcun modo, soprattutto nel lungo periodo, ma almeno siamo più vicini di quanto pensassimo”.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.